Granato, PaP: “Quando Gianni rivendica un lavoro stabile sta rivendicando dignità e futuro”

ciarambino

Il dramma di Gianni, il rider rapinato del suo motorino, cioè del suo strumento di lavoro, è da 24h su tutti i media, su tutti i social.
Oggi Gianni ha raccontato la violenza subita e anche la grande solidarietà ricevuta in queste ore. Non solo parole, ma soldi per poter comprare un nuovo mezzo di lavoro.
C’è una frase di Gianni che mi ha colpito. Parla della solidarietà, della “tanta gente di buon cuore”. Poi aggiunge un “ma”: “ma io vorrei solo un lavoro stabile”…
Gianni era dipendente della Rinascente prima e dell’Auchan poi. Quindi la perdita del posto e quel lavoro come rider, perché il piatto a tavola bisogna pur metterlo. (E c’è chi ancora definisce questi impieghi come “lavoretti”…).

Il 31 dicembre 2020 ha chiuso l’Auchan a Nola

A breve 100 lavoratrici e lavoratori rischiano di vivere sulla propria pelle il dramma attraverso cui è già passato Gianni. A Pompei (NA) altri 61 dipendenti Auchan sono in una situazione simile. Nel timore di perdere il lavoro altre decine tra gli store di Giugliano (NA) e Mugnano (NA).
Nella Grande Distribuzione Organizzata c’è stata una strage negli ultimi anni. E se allarghiamo lo sguardo agli altri settori la situazione non cambia poi molto.
Quando Gianni rivendica “un lavoro stabile” sta rivendicando dignità e futuro. Le parole d’ordine sulla bocca di migliaia e migliaia di uomini e donne della nostra terra, del nostro popolo. A cui va data urgente risposta, andando oltre l’emotività del momento e l’indignazione per la rapina.


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*