Thermopolion, street fast e ccuóppe food.

 

Ha fatto molto scalpore un nuovo disvelamento (di cui ad un dossier televisivo di dicembre 2020) di affreschi di quella che pare essere una taverna  scoperta nella Regio V di Pompei nel marzo del 2019.

Grandissima enfasi a livello internazionale è stata data a quello che è stato definito il fast food, street food e così via degli antichi romani, quasi a dare una paternità dei moderni take away a Giulio Cesare e friends. Chi scrive si è però posto una domanda molto semplice, ma cumme maje ausano na parola greca pe pparlà ‘e na cosa rumanesa? Che in Italiano suonerebbe pressappoco : “noto una certa discrasia tra l’uso di un termine greco ed un manufatto che si vuole far intendere od alludere …di paternità romana, quanto a funzioni e struttura (lasciamo stare le radici osche della città vesuviana in questione, sempre…seppellite… appunto…)?


Allora una semplice domanda diventa un tormentone per lo scrivente (i’aggi’ ‘a vedé ‘stu fatto d’ ‘o thermopolion pecché nun me faccio capace!) ed ecco da una semplice ricerca delle fonti (archeologiche e della nomenclatura) riapparire le cose come stanno. Statemi a sentire (anzi a leggere).

Iniziamo col dire che l’uso in genere ed in particolare per la struttura/bottega/negozio ri-scoperta a Pompei  e nel mondo romano, quale thermopolio(n) è impropria per diversi motivi che qui di presso veniamo ad elencare, accussì chiammammo ‘e ccose cu ‘o nommo lloro!

Chiamatela popina o caupona

Come ben evidenziato da studiosi della materia la parola thermopolion che deriva dal greco ( ϑερμός «caldo» e πωλέω «vendere») indicava sì, nell’antichità classica, una rivendita di bevande, non solo calde, secondo l’etimologia della parola, ma anche fredde e di altri generi.  Ma c’è un ma, ulteriore e ben più rilevante: infatti l’uso della parola (latinizzata) thermopolium secondo l’indicazione sopra riportata  non è corretta poiché risulta attestata solamente tre volte in letteratura e, in aggiunta a ciò, in un periodo ancora antico di formazione della lingua latina come calco dal greco (Pl., Trin. 4.3.6; Curc. 2.3.13; Rud. 2.6.45). Invece all’interno dei testi antichi sono  particolarmente diffusi i termini popina e caupona: il primo deriva da una radice osca locale e sta ad indicare probabilmente una taverna di piccole dimensioni costituita da una bottega ed un retrobottega e caupona che potremmo indicare come qualunque luogo in cui venissero venduti vino e cibo ed in tal senso una taverna con più ambienti anche in associazione eventualmente al verbo cauponor, “mercanteggiare” ma secondo chi scrive più propriamente accostabile al “kapileio” greco che era appunto una sorta di “osteria”  popolare che poteva fungere anche da sorta di alloggio. Come si vede termini quali fast food o street food (‘o mmagnà miez’a’via che noi partenopei abbiam diffuso nel mondo…) sono  veramente incomprensibili se affiancati al mondo romano…o a quello pompeiano, almeno nella fase romana della città (che non fu fondata dai romani) ma acquistano tutt’altro significato se riportati alla classicità greca e magnogreca.

Furtunato è nato â Grecia.

Facendo il verso al grande Pino Daniele che cantava e de-cantava le squisite prelibatezze nzogna e ppepe del venditore ambulante Fortunato (una vera e propria cucina/fucina a due gambe…) ritroviamo invece ed ancora una volta il vero street o fast food come preferite nelle vene di Partenope e non di Roma… e non poteva che essere così. Il mestiere di cucinare e vendere mmiez’a’via (dal maccarunaro al carnacuttaro) tipicamente napoletano non poteva che essere figlio di “nonna” Hellas ed infatti se andiamo al fondo alla questione scopriremo che il famoso thermopolio(n) precursore del citato street/fast food non è altri che uno di quei καπηλεία (kapileia) citati da Isocrates nell’ Antidossis : “vedete alcuni di loro raffreddare il loro vino a Enneakrouni, altri bere in una prigione, altri giocare a dadi e molti vagare per le scuole dove le ragazze imparano a suonare il flauto” oppure da Aristofane ne ” I Cavalieri” od ancora da Atheneus che ci testimonia come i pezzi di carne infilzati allo spiedo e altri prodotti venivano venduti in thermopolia, bancarelle mobili con carboni ardenti, che operavano nei mercati.

I banchi ambulanti  erano come le cantine o i venditori ambulanti di oggi: vendevano essenzialmente i fast food dell’epoca, tra cui castagne, impasti, affettati salati e così via. Le ceramiche di argilla ritrovate indicano che gli utensili da cucina erano infatti trasportabili ed  erano usati appunto dai venditori ambulanti.

In questo senso il ricercatore George Katsos, afferma che secondo i reperti archeologici, gli abitanti della Grecia sono una delle prime popolazioni al mondo ad aver affettato e arrostito diversi tipi di carni quasi quattro millenni fa, applicando un nuovo metodo di cottura al tradizionale processo di bollitura del Neolitico. La ricetta della carne allo spiedo esisteva come una delle preferite nell’antica Grecia durante l’epoca arcaica, con i primi riferimenti a questa pratica nelle opere di Omero. Tuttavia, gli scavi condotti ad Akrotiri, sull’isola di Santorini, dal professor Christos G. Doumas hanno portato alla luce basi  per spiedini (in greco: krateutai) che erano usati prima del XVII secolo a.C. ed erano popolari prima della disastrosa eruzione del vulcano dell’isola. Gli spettacolari ritrovamenti di krateutai mostrano che gli antichi greci stavano applicando nuovi metodi di cottura della carne, che erano così completamente diversi dal tradizionale processo di ebollizione del Neolitico che avrebbero potuto essere definiti rivoluzionari, quasi quattro millenni fa. Gli utensili da cucina erano semplici ma eleganti basi in ceramica posizionate a destra e a sinistra, una tecnica ancora utilizzata ai nostri tempi per i piani cottura portatili. In basso sulla loro base e in fila parallela alla base, avevano persino dei fori (in foto) che servivano ad ossigenare il carbone per mantenere una fiamma uniforme, limitando i grandi sbalzi di temperatura. Anche in Magna grecia si diffuse il costume di cucinare e vendere pietanze in strada, come sappiamo noi napoletani fare da… secoli non a caso…

Lo street food greco era tra l’altro apparso per la prima volta nel VI secolo a.C. con lo sviluppo delle città. L’agricoltura era importante nella città ateniese, nell'”Agora”, i venditori tipici erano gli agricoltori ad esempio.

Insomma vuje jate truvanno ‘o thermopolion nterra Pumpeje  mmano a Rroma, quanno ‘a carne, ‘a pita e ccastagne ‘e ccucevano e vvennevano ‘e griece (e nne fanno cuoppe ‘e mare e dde terra ‘e napulitane ogge ancora)?

Fonti:

Chrysopoulos P. , The Ancient Roots of Greek Souvlaki, the World’s First Fast Food in https://greekreporter.com/

Grossi F., Bar, fast food e tavole calde: nomi e funzioni dei locali di ristoro nelle città romane dell’Impero, Università degli Studi di Milano

Matalas, A.L. and Yannakoulia, M., 2000. Greek street food vending: an old habit turned new, Department of Nutrition and Dietetics, vol 86, pp: 1-24

Filippini P., Le abitudini alimentari nell’antica Roma in “Le strade del cibo dall’antica Roma all’Europa moderna”, MovEeat Expo

 

 

 

 

 

 

 

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Informazioni su Massimiliano Verde 17 Articoli
Massimiliano Verde esperto e docente di lingua napoletana, promuove nel mondo il patrimonio culturale napoletano e campano in qualità di presidente dell'Accademia Napoletana. Collabora con università, associazioni, personalità che si occupano di diritti, e temi socioculturali.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*