Centro giovanile comunale “Asterix”: la commissione Giovani effettuerà un sopralluogo l’8 gennaio

napoli

Un “co-working space” che consentirà, nei locali al primo piano del Centro giovanile comunale “Asterix”, di avviare progetti per l’inserimento lavorativo di giovani con disturbi psichici; un’orchestra giovanile del territorio che opererà nei locali al pianterreno. Sono queste le attività che verranno avviate nella struttura comunale, situata nella Municipalità 6, dalle associazioni “La Coccinella” e “CallystoArts”, aggiudicatarie dei finanziamenti statali, per un importo complessivo di oltre 280mila euro, concessi dal Dipartimento per le Politiche Giovanili nell’ambito della procedura “Giovani per la valorizzazione dei beni pubblici”.

Antonio Mercogliano, rappresentante dell’associazione “La Coccinella”, e Francesco Micera, rappresentante dell’associazione “CallystoArts”, hanno oggi illustrato alla Commissione le attività da realizzare e rappresentato l’urgenza di entrare in possesso dei locali del Centro “Asterix”, liberati dalle suppellettili esistenti, per consentire l’avvio dei lavori di riqualificazione e non incorrere nel rischio di perdere i finanziamenti e far fallire progettualità per le quali ci si è impegnati anche con fidejussioni personali.

Locali da liberare

Il dirigente del Servizio Giovani e Pari Opportunità, Giuseppe Imperatore, ha chiesto che ad horas si risolva la questione del Centro “Asterix”. I locali devono essere liberati al massimo entro una settimana, perché non è più possibile procrastinare l’inizio delle attività da parte di soggetti legittimati a farlo da una serie di atti amministrativi, per i quali il Comune è giuridicamente responsabile. Onde scongiurare liberazioni forzate della struttura, il dirigente ha chiesto all’assessora al Patrimonio, Alessandra Clemente, e all’assessora alla Cultura, Eleonora de Majo, di individuare eventualmente, nelle prossime ore, soluzioni alternative per la collocazione in sicurezza dei materiali e dei costumi di scena di proprietà dell’associazione “The Beggar’s Theatre”.

Nel dibattito il consigliere Federico Arienzo (Partito Democratico) ha chiarito di non avere nulla contro le associazioni che legittimamente hanno ottenuto i finanziamenti statali e che hanno titolo a operare nel Centro “Asterix”, né contro l’operato del Servizio Giovani e Pari Opportunità, che giustamente deve dare seguito all’iter amministrativo. È la politica, invece, a dover dare risposte al “The Beggar’s Theatre”, per individuare una giusta collocazione e almeno un deposito per conservare momentaneamente il materiale di scena, patrimonio dell’intera collettività cittadina.


Alle domande del consigliere Rosario Andreozzi (DemA) sulla possibilità di operare in una struttura già in uso da parte di altre associazioni, e sulla durata di queste attività per un periodo superiore ai tre mesi, il dirigente Imperatore ha risposto che il Regolamento della Rete dei Centri Giovanili, approvato nel 2017 dal Consiglio Comunale, punta proprio sulla coabitazione e non sull’affidamento esclusivo dei Centri; lo stesso Regolamento contiene una clausola che consente di svolgere attività per periodi superiori ai tre mesi quando si tratti di progetti vinti attraverso idonee procedure di evidenza pubblica, come nel caso dei progetti de “La Coccinella” e di “CallystoArts”, per i quali l’Amministrazione comunale ha individuato a suo tempo il Centro Asterix come sede.

Non è tenuta a farlo per legge

L’Amministrazione comunale può trovare una sede per “The Beggar’s Theatre” ma non è tenuta per legge a farlo, ha precisato il consigliere Claudio Cecere (DemA). Per questo ha condiviso la proposta della presidente Bismuto di effettuare un sopralluogo presso il Centro “Asterix”; è necessario, infatti, che vengano rispettati i diritti delle associazioni aggiudicatarie, che da troppo tempo attendono di poter dare avvio alle loro attività.

Nella replica l’assessora al Patrimonio Alessandra Clemente ha ricostruito nuovamente il costante lavoro che si sta facendo per trovare una giusta collocazione al materiale di scena del “The Beggar’s Theatre”. Il gruppo artistico, ha chiarito l’assessora, già fruisce da circa un anno di un altro locale utilizzato come deposito, messo a disposizione dalla Municipalità 6; è stato inoltre visitato nei giorni scorsi un appartamento confiscato alla criminalità organizzata che potrebbe sempre fungere da deposito: tutti segnali che mostrano quanto si stia provando a trovare una soluzione per tutelare questa esperienza. Clemente ha ulteriormente ribadito che, una volta ultimati i lavori, il Centro “Asterix” tornerà a disposizione di tutte le realtà che vorranno operarvi.

Se si parte dalla convinzione che l’esperienza del “ The Beggar’s Theatre” abbia un valore in sé che debba essere preservato, forse è possibile proseguire un confronto sulle possibili soluzioni da adottare, ha precisato l’assessora alla Cultura, Eleonora de Majo. Il punto non è solo trovare un deposito, ma dare una casa a un teatro; per questo ha espresso la sua preoccupazione e il rammarico per una situazione che in fondo è stata creata dalla stessa Amministrazione comunale, e ha rinnovato la sua disponibilità e il suo impegno per individuare una soluzione che eviti di mettere un punto su questa importante realtà.

La presidente Bismuto ha chiarito che l’Amministrazione comunale non ha determinato nessun cortocircuito con “ The Beggar’s Theatre” ma ha semplicemente seguito l’iter previsto per i Centri giovanili comunali; sarebbe piuttosto auspicabile – ha suggerito – immaginare anche una Rete dei Centri culturali cittadini, che con le stesse modalità potrebbe ospitare le realtà del territorio. Nella discussione su questo tema, bisogna tener distinto, ha concluso, ciò che è doveroso da ciò che è opportuno, e ha quindi ritenuto utile convocare un sopralluogo della Commissione presso il Centro “Asterix” per venerdì 8 gennaio, alla presenza della Polizia Locale e della Municipalità, oltre che delle associazioni “La Coccinella” e “CallystoArts”.

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*