PaP: “La cultura è ricchezza di tutti”

cultura

Più che altro vorremmo capire, ci sforziamo per sapere, quale è “l’alto senso” la “concezione” di cultura da cui dovrebbe dipendere anche il settore del turismo che hanno costoro…
Pseudo eventi estemporanei, contributi distribuiti a pioggia per la gioia degli amici, invece di redistribuire ricchezza sottoforma di bellezze e saperi per tutti
Invece di “organizzare” dovrebbero PIANIFICARE
Questa amministrazione ha dimenticato per non dire calpestato la storia e le culture che hanno fatto; fanno e devono fare grande questa città.

Ammirare la bellezza

Botteghe d’arte e artigiani, percorsi nel centro storico cittadino da mettere in sicurezza per chi lo abita e lo attraversa ogni giorno, fruibile a visitatori e turisti, aprire e riaprire siti che tutto il mondo ci invidia, innanzitutto alla cittadinanza e poi a chi accorre dall’estero per ammirare cotanta bellezza.
Un territorio che gronda saperi da ogni muro; strada; piazza di questa città, ma che né cittadini né tantomeno, quel che è grave, amministrazioni locali e in generale le istituzioni vogliono socializzare, condividere con chi ha fame di sapere, con chi ama il piacere della scoperta
La cultura è ricchezza di tutti, da redistribuire, bene comune delle masse popolari e dell’umanità, la nostra bellezza ci salverà!

 


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*