Malato (RES): “Pronti per la sfida delle comunali di Napoli del 2021”

napoli

Volge al termine un anno drammatico e le tensioni, festività natalizie a parte, sono ancora tutte da trattare e risolvere, nonostante i notiziari diano maggiore enfasi al tema del vaccino anti Covid ed alla sua somministrazione.

Abbiamo, attraverso il coordinatore regionale Paolo Malato, ascoltato il pensiero di RES per comprendere cosa una nuova forza politica pensi della situazione in questo momento particolare.

Tra poco le festività termineranno e si ripresenteranno i tanti problemi irrisolti Qual è l’idea di RES circa la strisciante crisi politica?

“Come movimento pensiamo che sia irresponsabile il comportamenti che le forze politiche di maggioranza e opposizione tengono in questo periodo. Siamo consapevoli che nessuno governo sarebbe stato preparato ad una crisi sanitaria economica come quella di oggi ma al tempo stesso evidenziamo che molte scelte e strategie della maggioranza sono incomprensibili e temiamo che abbiano sbagliato rotta. In particolare incomprensibile è l’attacco del presunto alleato Matteo Renzi alla maggioranza di cui lui stesso fa parte (ma non aveva detto che una volta perso il referendum avrebbe lasciato la politica?). Sin da subito è apparso evidente che avrebbe tenuto sotto scacco il governo giallorosso per mero tornaconto personale/politico. Cosa interessa a Renzi per avere il potere di gestire i fondi che la UE girerà all’Italia? E’ interessato al mondo della riforma della giustizia? Ai cittadini appare ingiustificabile, in un momento così difficile per il Paese, un attacco che rischia di mettere in ginocchio un paese già provato. Un comportamento che per noi è gravemente inappropriato”.

Se cade il governo, quali sarebbero per voi le possibili soluzioni?

“Due soluzioni politiche ossia possibili pacificazioni per scongiurare una grave crisi. La prima potrebbe consistere in un governo allargato con ciò che rimane del partito di Silvio Berlusconi che darebbe un appoggio esterno. La seconda sono le elezioni anche se sarebbe il classico passaggio dalla padella alla brace. A tutti fanno gola i tanti miliardi che potrebbero, ed è bene sottolineare l’uso del condizionale, arrivare. La grande quantità di denaro sarà amministrata dai politici che avrebbero, così, le mani libere; la storia degli ultimi 40 anni ci insegna cosa potrebbe accadere.   Le brame sono tante e tutti gli schieramenti politici tramano per la loro risaputa avidità.


Cosa proporrebbe RES per rintuzzare i vati e tanti rischi che sopra ha dipinto?

“E’ molto difficile che si riesca a fare qualcosa, senza possedere il potere di agire. Bisogna presentarsi alle elezioni e sperare che la gente, la maggioranza della gente, si renda conto che solo con il coraggio è possibile cambiare effettivamente le cose. Le elezioni americane hanno dimostrato che dopo la conduzione di Trump, il paese voleva cambiare rotta con il passato ed i suoi tanti errori. Anche in Italia c’è molta voglia di reale cambiamento ma non più di quello finto e finito rapidamente del M5S. Ogni giorno parliamo con ex M5S, oltre ai tanti delusi degli alti partiti, che si avvicinano volentieri a RES perché libera dai condizionamenti dei poteri forti. Ascoltiamo tutti i giorni voci a favore di RES ma poi le voci devono diventare voto nelle urne, altrimenti è la dimostrazione che governare gli italiani non è difficile ma inutile.  Questo, poi, è il profilo che all’estero hanno di noi, come senso civico, come rispetto delle scelte. Se siamo considerati dei pavidi, facili a farsi buggerare dai politici è provato dalla realtà dei fatti”.

Qual è il piano di RES per NAPOLI e la Campania?

“Domanda non facile anche questa. Napoli e la Campania sono erose da decenni da una politica malversata dai tanti che si sono succeduti coi loro partiti ed i loro sistemi feudali e conniventi con la parte marcia di un territorio. Ci vorrebbe un Sindaco avulso dai contesti cittadini ed una giunta al di sopra della moltitudine di falsi politicanti che prosperano da tempo con i poteri locali dello Stato. Di alti profili idonei ce ne sono pochi e quei pochi sono già da tempo allettati dalle lusinghe degli strateghi dei partiti consolidati, sempre alla ricerca di volti noti ma senza peccati che possano saltare fuori da una indagine di Report. Nel famoso cartone animato Aladdin, si parla di un diamante allo stato grezzo; ecco c’è bisogno di una personalità forte e robusta da non farsi condizionare dalle molte pressioni del territorio. Il Sindaco rappresenta l’immagine e la guida prioritaria di una giunta, ma il successo dipende poi dalla squadra di assessori che sia sincrona con i suoi obiettivi altrimenti i problemi si amplificano, come successo con le varie girandole di assessori che si sono succeduti in questi anni di gestione targata Luigi De Magistris. Se anche si trovassero, poi, uomini e donne realmente oneste e votate alla rinascita della città,  si correrebbe il rischio di una levata mediatica alla ricerca di ogni piccolo elemento utile a screditare il singolo o il gruppo. Come RES ci apprestiamo a redigere una lista che sarà rigorosa ed è nostro dovere farlo. O sarà così o sarà meglio non presentarsi. Potrebbe esserci una lista per febbraio con un piano di rilancio per la città basato sugli stessi macro argomenti del Recovery Fund quali la sostenibilità ambientale (in linea con l’European Green Deal che prevede non meno del 37% dell’intera spesa ), la produttività, l’equità e la stabilità macroeconomiche, la transizione digitale.

res

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*