La lettera di Raffaele Carotenuto al Prefetto e al Questore

carotenuto

Al Sig. Prefetto di Napoli
Dott. Marco Valentini
Al Sig. Questore di Napoli
Dott. Alessandro Giuliano
Oggetto: vendita botti proibiti
Gentilissimo Dott. Valentini,
Gentilissimo Dott. Giuliano,
con la presente vorrei ulteriormente sensibilizzare le SS.VV.II. sulla vendita di fuochi proibiti nella città di Napoli, soprattutto nelle periferie. Uno spettacolo indegno, oltre che illecito, che si perpetua ogni anno, nei punti più visibili, in ogni angolo delle strade principali di tutti i quartieri, nessuno escluso.
Quest’anno impedire la commercializzazione di botti pericolosi, di dubbia provenienza, assume un significato ancor più pregnante, vista la crisi sanitaria che, proprio nelle aree periferiche, ha falcidiato numerose famiglie con la perdita di vite umane per decesso da COVID-19.
Per il rispetto di quei morti, per le famiglie toccate dal dolore e per i cittadini tutti, assume un doppio valore il ruolo e il peso che in questi prossimi giorni avranno i controlli, nonché i sequestri, con operazioni mirate sui territori, oltre agli ordinari compiti e funzioni già puntualmente profusi in tal senso.
Mi appello alle Vostre sensibilità, personali e di cariche rivestite, affinché questo indegno spettacolo di fine anno possa essere combattuto con ogni sforzo organizzativo efficace a “rompere” questo pezzo di economia informale che non fa bene ai napoletani, che alimenta un mercato illecito e soddisfa quei cittadini che trasgrediscono alle normali regole di civile convivenza.
Grato per tutto quanto farete.
Un caro saluto.
Dott. Raffaele Carotenuto


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*