Covid: comunità linguistiche minorizzate tra Napoli e Messico

Il presente articolo prende le mosse da una pubblicazione realizzata per l’Universidad IEU in Puebla, Messico, in occasione di un  Congresso internazionale che si è svolto il 13 e 14 agosto 2020.

Era intento dello scrivente, in collaborazione con la prof.ssa Del Carpio, di mostrare le conseguenze della pandemia su  realtà socio-linguistiche già di per sé vulnerabili, quali la napolitana in Italia e la Tsotsil, in Chiapas, Messico. Si è realizzata quindi un’analisi comparativa delle due comunità socio-linguistiche minorizzate, in particolare per Napoli, con focus sulla parte  socialmente più debole della città partenopea che ha portato alla luce molte più similitudini, quanto a problemi e temi di riflessione che differenze, pur trattandosi di due comunità distanti storicamente ed etnicamente. Problemi quali la carenza o debolezza di strumenti tecnologici, l’accesso alla rete internet, l’assenza della didattica in presenza, ossia l’accesso a scuola ,quale unico spazio in cui i bambini e ragazzi delle due comunità  possano ricevere un’ “educazione formale” ed  ai materiali ed attività didattiche che in un certo senso sono per loro “svago” perché implicano divertimento, sono alcune delle evidenti e drammatiche somiglianze tra le medesime comunità, inclusa l’emergenza alimentare in costanza di una situazione dove anche il lavoro “arrangiato” dei genitori di ambedue gruppi sociali  è stato fortemente limitato od impossibile.

Per Napoli, in particolare si è evidenziato come la crisi del sistema sanitario di alcune regioni da sempre considerate “locomotive” del Nord Italia abbia alimentato un’oppressione mediatica e culturale sul Mezzogiorno, nella prima fase pandemica sottrattosi alle nefaste conseguenze del virus ma, tenuto in ogni modo e comunque in un lockdown identico a quello invece necessario nelle regioni settentrionali del Paese.


Razzismo contro Solidarismo: il caso napolitano

Il razzismo e l’incitamento alla discriminazione, il sospetto, l’attesa mediatica di un’inevitabile ecatombe del Sud “arretrato”, da un lato e la risposta democratica e solidaristica di Napoli dall’altro, sono state lo specchio drammatico di ciò che è ancora nel 2020 dal punto di vista socio-culturale, l’Italia.

Per la prima volta dal 1861, l’estrema fragilità e la vera “forza” di quella che è considerata la “locomotiva dell’Italia veniva a galla.

“La negligenza, l’approccio della classe politica ed economica del nord Italia, sono state sotto gli occhi del mondo, (incredibili e memorabili : La Lombardia non si ferma, Milano non chiude, ecc.” parafrasando gli spot di Confindustria Lombardía e le dichiarazioni del sindaco di Milano) un disastro umano che ha alimentato come si diceva, l’oppressione dei media e del Mainstreaming nazionale contro la comunità napoletana: all’inizio fu il farsi beffa degli scienziati napoletani utilizzatori con successo di un farmaco utile come rimedio contro i più devastanti effetti del virus, in costanza di un vero e proprio bombardamento mediatico sulle conseguenze che il virus avrebbe avuto di sicuro ed ineluttabilmente al Sud, notoriamente sottosviluppato e nel cliché mentale italiano, in quanto privo di risorse culturali e sociali; poi un attacco mediatico volto a giustificare una presunta mancanza di rispetto delle regole del lockdown da parte dei napoletani, (essendosi invece dimostrata la  Campania un esempio positivo per tutti come riportava Euronews). D’altra parte, secondo il racconto lombrosiano molto in voga in Italia circa il Mezzogiorno, una spiegazione della mancata ondata pandemica in quei territori, di tipo eugenetico e pregna  d’incitamento alla discriminazione quale quella ipotizzata dalla giornalista Palombelli: “forse perché i napoletani non lavorano come (e quanto) quelli del Nord“; od ancora il sorprendersi con malcelata e maliziosa ironia circa l’efficienza del sistema sanitario napoletano (Merlino) per terminare con un presunto “scudo” genetico dei napoletani e del al virus.

Da un lato, tutto quanto sopra rendeva evidente il razzismo che esiste a livello nazionale nei confronti della comunità napoletana che rappresenta simbolicamente l’intero Mezzogiorno d’Italia, essendo Napoli storicamente e culturalmente la capitale di questo territorio. Per un altro, questa situazione serve anche a dimostrare il rispetto democratico per le buone pratiche dei napoletani che hanno offerto anche un’eccezionale risposta educativa testimoniata dagli insegnanti “di strada” nella loro eroica azione a favore degli studenti dei quartieri più poveri che, già normalmente, non hanno assistenza o sostegno istituzionale da parte delle strutture pubbliche e ancor meno in questa situazione pandemica. In questo senso, l’utilizzo della lingua materna napoletana, quale veicolo di apprendimento e di facilitazione solidaria della didattica dal “vicolo al balcone” e nell’ organizzazione di esperienze concrete come la spesa solidale od il “panaro” solidale mutuando il messaggio di Moscati, sono un chiarissimo esempio di come, questa comunità attraverso la sua lingua si autoidentifichi in un concetto di resistenza collettiva alla drammaticità del momento storico e culturale, per gli attacchi ricevuti, come più sopra ricordato, rafforzando per dirla alla greca la propria “Κοσμοαντίληψις” ovvero (percezione) della propria cosmogonia.

Improcastinabili progetti formativi nelle scuole napoletane.

Crediamo ancor più oggi di più e le forme di resistenza sociale napoletana l’hanno ampiamente dimostrato che sia inderogabile l’introduzione dei temi di cui sopra nel sistema scolastico almeno cittadino, ovverosia che la lingua napoletana venga posto al centro di progetti didattici e culturali, su base sperimentale, almeno per il sistema scolastico della città di Napoli, occorrendo infatti far tesoro di questa situazione seppur drammatica, quando sarà possibile finalmente la realizzazione della didattica in presenza (ma non solo). Occorre inoltre tener conto di esperienze collaborative internazionali circa comunità e gruppi socio-linguisti minorizzati quale quelle portate avante dallo scrivente, ad esempio, sia in Europa che fuori, in quanto il percorso accademico come quello all’inizio ricordato, deve necessariamente confluire in un lavoro sul campo anche a Napoli, proprio, sulla scorta del lavoro fin qui fatto, nei territori della cinta metropolitana partenopea a rischio socialmente e culturalmente, in balìa di mitizzazioni gomorriane e falsi riscatti…geniali. A questo punto nel renderci totalmente disponibili chiediamo a gran forza :dove sono gli intellettuali partenopei?

 

 

 

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Informazioni su Massimiliano Verde 17 Articoli
Massimiliano Verde esperto e docente di lingua napoletana, promuove nel mondo il patrimonio culturale napoletano e campano in qualità di presidente dell'Accademia Napoletana. Collabora con università, associazioni, personalità che si occupano di diritti, e temi socioculturali.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*