Napoli, bonus alimentare e bonus fitti: il punto in commissione Welfare

napoli

Con dispiacere, ha introdotto la presidente Caniglia, la commissione Welfare ha appreso che la seconda tranche dei bonus alimentari riservati alle famiglie napoletane in difficoltà verrà erogata solo dopo il 27 dicembre, e non prima di Natale come atteso da tutti. Un ritardo sul quale si chiedono chiarimenti, così come si chiede a che punto sia l’erogazione del bonus fitti.

Sono 46mila le domande pervenute per la fruizione del bonus alimentare, di cui 40.600 ammesse: con questi numeri – ha spiegato l’assessora Monica Buonanno – si è dovuto procedere alla loro erogazione in due fasi per evitare assembramenti rischiosi. Si è scelto quindi di dare priorità agli aventi diritto che non usufruiscono di alcun supporto al reddito; dopo il 27 dicembre il bonus verrà erogato a coloro che già percepiscono il Reddito di Cittadinanza. Un criterio basato quindi sull’esistenza di un minimo sostentamento per gli aventi diritto della seconda tranche, ha concluso l’assessora, che comunque riceveranno il bonus entro la fine dell’anno.

Modalità erogazione

Buonanno ha anche ricordato le modalità di erogazione del bonus e le raccomandazioni di impiego: gli aventi diritto riceveranno una mail contenente l’indicazione del supermercato convenzionato più vicino al luogo di abitazione (sono 129 le strutture aderenti), il giorno in cui potersi recare a fare la spesa ed i pin da fornire all’addetto del negozio e che dà diritto a fare la spesa. Adottate anche quelle che l’assessora ha definito «pratiche di buon senso comune», come ad esempio l’invito ai supermercati accreditati a non istituire file differenziate alle casse per gli aventi diritti al bonus; un gesto di delicatezza e di rispetto che non sempre è stato garantito nella Fase 1.

Rispondendo alla domanda della consigliera Marta Matano (Movimenti 5 Stelle) sul bonus fitti, l’assessora ha precisato che i pagamenti sono stati sbloccati da qualche giorno ma, in alcuni casi, l’erogazione non è stata possibile a causa della mancata presentazione della necessaria documentazione da parte dei richiedenti. Il Comune ha comunque messo a disposizione dei cittadini sul proprio sito internet un avviso con tutti gli strumenti necessari all’integrazione della domanda. Nonostante il tradizionale pranzo di Natale sia stato annullato per evitare assembramenti, ha infine concluso Buonanno, l’Amministrazione è impegnata in numerose attività a sostegno dei più poveri e dei senza tetto. È auspicabile che dopo le feste, con la collaborazione della commissione, si possa organizzare un diretta social dedicata al racconto delle esperienze di solidarietà messe in campo quest’anno.


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*