Clemente: “Questo Natale non sarà il migliore forse, ma ce ne sono stati di peggiori”

clemente

Questo Natale non sarà il migliore forse, ma ce ne sono stati di peggiori, per tutti, in fin dei conti. Ognuno di noi ricorda un Natale più triste degli altri, magari perché in quel periodo ha perso qualcuno di importante, un figlio, una madre, una moglie, un fratello. A volte è la vita, con le sue dinamiche e la scadenza dei nostri respiri ed allora è brutto, doloroso, triste, tragico certo, ma logico, perché la morte è la logica e amara conseguenza d’ogni vita. Ma a volte non è la vita ad ucciderci, non c’è una scadenza naturale, ma una fermata improvvisa, inaspettata, imposta.

Ancora più tragico

Ed allora tutto è ancora più tragico, più triste, più doloroso, perché ti chiedi perché, ma la risposta ce l’hai ed è dura da accettare. Qualcuno ha ucciso tuo padre, tua madre, tuo fratello, tua sorella, tua figlia e lo ha fatto con violenza, spregio della vita, viltà.
Per qualcuno il Natale peggiore è stato quello del 1984 e parlo dei familiari delle vittime del treno 904. Erano donne, uomini, padri, madri, bambini. Erano diretti a casa per le feste, per lo più, ma la loro vita si fermò alle 19:08 del 23 dicembre, nella galleria Direttissima tra Vernio e San Benedetto del Sambro, sull’Appennino toscoemiliano. Il treno era partito da Napoli, binario 11, alle 12.50. Una fermata imprevista, annunciata non dal suono che sveglia i viaggiatori ed anticipa la voce che annuncia la prossima fermata, ma dal boato di una bomba piazzata da un vigliacco assassino per ordine di un altro vigliacco assassino, basso non tanto di statura, ma di morale.
Non si destarono i viaggiatori sopiti, 15 si addormentarono subito e per sempre, un altro li avrebbe raggiunti poco dopo; 267, sopravvissuti, non dormiranno mai più sonni sereni. Non conta fare nomi e cognomi di chi ha causato o ordinato quell’abominio, perché un mafioso vale l’altro ed è sempre zero, ma anche perché quelle sedici persone erano vive e sveglie prima di addormentarsi, non come i mafiosi che sono morti e dormienti anche da vivi. Voglio invece ricordare i nomi davvero importanti, i nomi delle vittime.

Anni bui

Le mafie e quegli anni bui del terrorismo, hanno sempre fatto schifo ed hanno ammazzato donne, uomini, vecchi e bambini, qualche volta anche contemporaneamente, come quel maledetto 23 dicembre del 1984.
Giovanbattista Altobelli , Anna Maria Brandi, Angela Calvanese in De Simone, Anna De Simone, Giovanni De Simone , Nicola De Simone , Susanna Cavalli, Lucia Cerrato, Pier Francesco Leoni, Luisella Matarazzo, Carmine Moccia, Valeria Moratello, Maria Luigia Morini , Federica Taglialatela, Abramo Vastarella, Gioacchino Taglialatela.
Per loro questa mattina abbiamo in una cerimonia solenne ricordato la Strage del Treno Rapido 904, partito da Napoli il 23 dicembre dal binario 11 alle 12.50.
Con Rosaria Manzo, presidente dell’associazione familiari e vittime del treno rapido 904, Luigi de Magistris
, il prefetto Marco Valentini ed esponenti delle forze dell’Ordine.


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*