Clemente: “Ho partecipato all’iniziativa solidale del Progetto Bambino”

napoletani

Questa mattina con la mia collega, l’Assessore all’Istruzione Annamaria Palmieri, e con il presidente della Municipalità 3 Ivo Poggiani, ho partecipato all’iniziativa solidale del Progetto Bambino 2.0, dell’Avv. Francesco Ferraro, Coordinatore della Commissione di Studio del Diritto d’Impresa del COA Napoli e di Sergio Mannato, Presidente dell’Associazione Borgo Marechiaro, patrocinato dal Comune di Napoli.
In seguito alla donazione di 40 Tablet di ultima generazione in favore dei bambini ed adolescenti ricoverati presso l’Ospedale pediatrico Pausilipon di Napoli, “Progetto Bambini” ha siglato un accordo con le Associazione Onlus “Il Grillo Parlante” e “Centro Diurno Progetto Oasi”, per una nuova ed importante iniziativa benefica per dare il proprio sostegno alle Famiglie più disagiate della città di Napoli.
Il progetto si avvale dell’indispensabile supporto di Rodolfo Molettieri, dottore commercialista, socio dello studio Ferrante & Associati e di Annalisa Buonocore, licenziataria Mc Donald’s, giovane e sensibile Imprenditrice napoletana, partner principale dell’iniziativa, gestore di un brand sempre molto attivo nel sociale, coadiuvata da Francesca Parisi LSM coordinator, Jessica Mastroianni Brand Ambassador e Valentina Scotto Hospitality, che ha donato a 50 piccoli studenti coinvolti nel progetto, zainetti contenenti quaderni, penne, matite, pennarelli, gomme ed astucci.

Singolo zainetto che…

Inoltre, ogni singolo zainetto conterrà buoni pasto gratuiti per un nucleo familiare di almeno 4 persone, per complessivi 200 ticket, da poter consumare presso i ristoranti a marchio McDonald’s presenti sul territorio napoletano gestiti da Annalisa Buonocore.
Sono state anche donate in favore dell’Associazione il Grillo Parlante, che si occuperà di distribuirle, 40 cuffie per tablet e pc, al fine di consentire agli studenti che dovessero continuare nel prossimo futuro con la didattica a distanza, di seguire in maniera più proficua ed interattiva le lezioni sino alla fine dell’anno.
Il progetto nasce dalla presa di coscienza, resa ancor più preoccupante dall’emergenza Covid 19, della condizione attuale delle Famiglie più disagiate, costrette a fronteggiare, senza gli strumenti necessari, difficoltà nuove e di complessa decifrazione.
È da questo presupposto che nasce la spinta fondamentale al progetto, il cui obiettivo finale è, dunque, intervenire in aiuto dei bambini ed adolescenti “meno fortunati”, garantendo loro il Diritto allo Studio, al Gioco, alla Alimentazione o ad altri Diritti Fondamentali.
Mi complimento con i promotori di queste lodevoli iniziative, per il grande lavoro che stanno facendo e che hanno in programma di fare ancora in futuro.


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*