Razzismo e Mezzogiorno, tra negazionismo e silenzi

In Italia è molto forte il dibattito sul tema “razzismo, discriminazione, antisemitismo”, tanto che di recente il Senato della Repubblica ha costituito un’apposita  Commissione straordinaria per il contrasto dei fenomeni di intolleranza, razzismo, antisemitismo e istigazione all’odio e alla violenza, (c.d. Commissione Segre).

La Commissione riflette le preoccupazioni e desidera fungere da organismo consultivo e propositivo in ordine al contrasto delle manifestazioni d’incitamento all’odio ed alla discriminazioni che in Italia, ma non solo, si avvertono come più frequenti e appaiono in aumento.

Dalle tematiche cui soggiacciono le finalità e da cui prendono le mosse organismi quali quelli testé menzionati, è però pressoché assente un dibattito pubblico ed a livello nazionale circa la discriminazione versus i cittadini del Mezzogiorno d’Italia ed in particolare la città di Napoli ed i napoletani.


Desideriamo con quest’articolo evidenziare la problematicità e la gravità di questa carente attenzione, in ambito nazionale, in Italia. Una premessa appunto introduttiva è d’obbligo per delineare i principi sanciti internazionalmente cui la normativa italiana vorrebbe rendere ossequio, anche con la Commissione di cui sopra.

Innanzitutto, la Convenzione internazionale sull’eliminazione di ogni forma di discriminazione razziale ratificata dallo Stato Italiano il 5 gennaio 1976 ed in vigore dal 4 febbraio 1976, impone agli Stati Parte d’impegnarsi a vietare ed eliminare la discriminazione razziale in tutte le sue forme garantendo il diritto di tutti, senza distinzioni di origine etnica all’uguaglianza davanti alla legge; ad adottare misure immediate ed efficaci, in particolare nei settori dell’insegnamento, dell’istruzione, della cultura e dell’informazione, al fine di combattere i pregiudizi che portano alla discriminazione razziale e promuovere la comprensione, la tolleranza e l’amicizia tra i gruppi etnici.

La Convenzione chiarisce in modo inoppugnabile che l’espressione “discriminazione razziale” sta ad indicare ogni distinzione, restrizione o preferenza che sia anche basata sull’origine etnica, che abbia lo scopo o l’effetto di distruggere o di compromettere il riconoscimento, il godimento o l’esercizio, in condizioni di parità, dei diritti dell’uomo e delle libertà fondamentali in campo sociale e culturale o in ogni altro settore della vita pubblica.

La norma fondamentale  che vieta poi ogni forma di odio deve essere considerato invece il Patto internazionale relativo ai diritti civili e politici, adottato a New York il 19 dicembre 1966 e reso esecutivo in Italia dalla legge 25 ottobre 1977, n. 881, che, ex articolo 20, prevede che vengano espressamente vietati da apposita legge qualsiasi forma di propaganda a favore della guerra, ma anche ogni appello all’odio nazionale, razziale o religioso che possa costituire forma di incitamento alla discriminazione o alla violenza.

Incitamento alla discriminazione

L’ordinamento giuridico italiano, attraverso la legge 13 ottobre 1975, n. 654 aveva già introdotto autonome fattispecie di reato caratterizzate dalla matrice razzista: la propaganda razzista, l’incitamento alla discriminazione razziale e agli atti di violenza nei confronti di persone appartenenti ad un diverso gruppo nazionale, etnico o razziale, il compimento di atti di discriminazione e di violenza nei confronti dei medesimi soggetti e, infine, la costituzione di associazioni ed organizzazioni con scopo di incitamento all’odio o alla discriminazione razziale.

Il termine “incitamento all’odio” secondo la Raccomandazione n. (97) 20 del Comitato dei ministri del Consiglio d’Europa del 30 ottobre 1997, copre tutte le forme di incitamento o giustificazione dell’odio come tutte le forme di espressione che diffondono, incitano, promuovono o giustificano l’odio razziale, la xenofobia, l’antisemitismo o altre forme di odio basato sull’intolleranza, tra cui: discriminazione e ostilità nei confronti di minoranze.

In particolare, incitamento è anche sostenere azioni come l’espulsione di un determinato gruppo di persone dal Paese o la distribuzione di materiale offensivo contro determinati gruppi.  I governi degli Stati membri, le autorità pubbliche e istituzioni pubbliche a livello nazionale, regionale e i livelli locali, così come i funzionari, hanno la responsabilità speciale di astenersi da dichiarazioni, in particolare ai media, che possono essere ragionevolmente intesi come incitamento all’odio o come discorso che può produrre l’effetto di legittimazione, di diffondere o promuovere l’odio razziale, xenofobia, antisemitismo o altre forme di discriminazione o odio basate su intolleranza.

La Decisione Quadro 2008/913/GAI del Consiglio dell’Unione Europea del 28 novembre 2008 sulla lotta contro talune forme ed espressioni di razzismo e xenofobia mediante il diritto penale, chiarisce che, nella lotta contro talune forme di razzismo e xenofobia, è opportuno il ricorso al diritto penale. Secondo questa Decisione, gli Stati membri devono garantire che siano punibili i discorsi di incitamento all’odio, intenzionali e diretti contro un gruppo di persone o un membro di essi, in riferimento alla razza, al colore, alla religione o all’etnia.

Deve risultare, altresì, punibile l’istigazione pubblica alla violenza o all’odio, quale che sia la forma di diffusione: scritti, immagini o altro materiale.

Mezzogiorno, razzismo ed opinione pubblica

Occorre rilevare che il tema dell’incitamento all’odio, in ogni sua forma, diretta od indiretta, agli stereotipi, pregiudizi contro i cittadini italiani di provenienza meridionale o napoletana, è completamente inesistente come tema di dibattito pubblico e politico a livello nazionale, è necessario ribadirlo. Di seguito si evidenzieranno le enormi contraddizioni tra quanto sopra enunciato e la situazione attuale in questo senso, in costanza di vittimizzazione di un intero gruppo di persone, quali i napoletani nella specie, che nell’immaginario collettivo italiano sono l’evidenza e caratterizzazione, implicitamente negativa di tutto il cosiddetto Sud Italia (l’allora Regno delle Due Sicilie).

La problematica del razzismo, o della discriminazione per così dire “territoriale” quanto al Mezzogiorno, (lo stesso termine, “razzismo”, non è contemplato come tale, nell’opinione pubblica italiana, verso questo gruppo di cittadini italiani) in Italia non è elemento del dibattito nazionale in materia di lotta ai pregiudizi, stereotipi e minorizzazione di gruppi umani. Un esempio concreto di tale situazione è connesso al fenomeno calcistico in Italia, megafono di pulsioni e termometro dei malesseri della società italiana, rappresentando inoltre e paradossalmente  le partite di calcio un momento importante di diffusione di messaggi soprattutto presso i bambini, tra l’altro. La risibilità delle punizioni (quando occorrono) di cori, manifestazioni d’incitamento all’odio, al pregiudizio ed invocazioni di catastrofi  e populicidi verso la città di Napoli, sono essenzialmente (ed incredibilmente) passati come meri sfottò da stadio. A tal proposito basti menzionare la decisione del Consiglio federale della Federazione Italiana Giuoco Calcio, sotto la presidenza di Carlo Tavecchio che nel 2014 depenalizzò la sanzione per discriminazione territoriale, stabilendo che la medesima non fosse più equiparata alla discriminazione etnica o razziale – un illecito disciplinare – rendendo quindi le punizioni graduali e più leggere, attenuando di fatto la responsabilità oggettiva dei club ed allontanando sanzioni più dure come la chiusura degli stadi di quelle “tifoserie” macchiatisi di incitamento all’odio verso i napoletani, episodi che secondo la vecchia normativa avevano portato allo stop infatti per alcune “tifoserie” di squadre di calcio del Nord d’Italia, permanendo azioni d’incitamento all’odio versus la città di Napoli (invocazioni di eruzioni, epiteti ingiuriosi, ecc.). Ricordiamo anche il 2014 come l’anno dell’assassinio di Ciro Esposito, cui una certa propaganda mediatica aveva “pregiudizialmente” alluso a contiguità criminogene per la provenienza territoriale (Scampia) per tacere della campagna mediatica lombrosiana verso tutta la tifoseria napoletana, in questa ed in altre occasioni.

In sostanza non esiste per il mainstreaming italiano una discriminazione anti-meridionale o versus i napoletani atta a legittimare misure sanzionatorie congrue, poiché il Sud e la società napoletana, è così (“costitutivamente camorristica”, per citare l’incredibile frase dell’allora presidente della Commissione Antimafia, Rosi Bindi o per rifarci alle più recenti asserzioni quali “ i Meridionali sono inferiori”, cit. V. Feltri, affermazioni cui non ha fatto seguito alcuna condanna giudiziaria o ad altre simili come “Napoli, fogna da derattizzare”, dell’allora ministro Calderoli, in Parlamento, ecc.), cioè su cui non vale più la pena di interrogarsi ed anzi occorre guardare altrove, in spregio dell’art.3 della Costituzione Italiana. È doveroso a questo punto enunciare un esempio eclatante di quanto andiamo discorrendo.

Discriminazione anti-napoletana in Italia, il caso della pandemia.

La situazione della pandemia da Covid-19 rappresenta un’esperienza che nel presente contesto può essere indicativa nell’illustrazione dei fenomeni di razzismo, stereotipi, incitamento alla discriminazione, al pregiudizio, in Italia verso un gruppo di persone quali i napoletani (in genere del Mezzogiorno d’Italia), atti, episodi, circostanze che si pongono in aperta frizione rispetto ai principi enunciati dalle Convenzioni e Raccomandazioni che abbiamo succitate e che, quale tema di dibattito ed analisi, potrebbe essere rilevante e congruo portare all’attenzione della novella Commissione per il contrasto dei fenomeni di intolleranza, razzismo, antisemitismo e istigazione all’odio e alla violenza. Non entriamo qui in merito alle discutibili iniziative del governo Italiano quanto alla dinamica della pandemia (mancata osservazione del Comitato scientifico quanto ad alcune indicazioni in merito alla chiusura di alcune parti del territorio italiano, “ripartenza” uguale davanti a situazioni fortemente diseguali quanto alla pandemia tra Nord e Sud, ecc.); la nostra attenzione invece va al racconto dei media italiani dell’esperienza pandemica, in costanza di una situazione disastrosa sotto l’aspetto sanitario e politico (della politica di gestione della pandemia) di alcune regioni (concentrate tutte al Nord Italia) ed al contrario delle regioni meridionali che, nel racconto mediatico nazionale, “incredibilmente” non avevano avuto di questi problemi (ma condannate a stare “chiuse” anch’esse).

Sarebbe ilare se non fosse drammatico il discorrere dell’atteggiamento dei media italiani in merito e gli atteggiamenti suscettibili di diffamazione ed incitamento al pregiudizio, verso queste ultime regioni, meridionali, appunto, in particolare la Campania e soprattutto gli abitanti di Napoli. Si necessita qui il riportarle, perché il tema è appunto l’incitamento, a mezzo di discorso, alla discriminazione, al pregiudizio, allo stereotipo ai sensi dei precetti della summenzionate convenzioni e raccomandazioni.

Un tema di dibattito che ripetiamo ancora una volta, in Italia praticamente non esiste, se non a livello locale cioé presso parte dell’opinione pubblica napoletana o meridionale.

Ovviamente occorre ricordare che in Italia, tanto la tv pubblica quanto quella privata sono di emanazione nazionale (il che vuol dire spesso anti-meridionale) e nord-centrica. Un fatto mostruosamente eclatante fu la posizione di alcuni media nazionali rispetto allo scienziato campano di fama mondiale, Dott. Paolo Ascierto, etichettato in diretta sulla rete nazionale, Rai3, da un collega lombardo, con l’accusa di far del “provincialismo” e deriso successivamente come qualcuno che volesse appropriarsi di meriti non suoi anche da alte tv private di livello nazionale, (Mediaset) contrariamente invece al fatto che lo scienziato campano avesse dimostrato l’efficacia di un farmaco (in corso di sperimentazione, a sua opera e dei suoi colleghi, con incoraggianti risultati e poi con un protocollo nazionale, ad hoc) nel combattere alcuni effetti del Covid-19.

Si dava così adito, subdolamente e non, incitando alla discriminazione, in diretta nazionale, con il solito stereotipo italiano quanto al napoletano “truffaldino” in costanza di un fatto che invece l’azione dello scienziato poteva (e sta salvando tuttora salvando) vite umane (!)
Non essendo possibile mettere in discussione l’eccellenza da prima della classe della regione Lombardia, non sopportabile, né credibile in Italia, men che meno rispetto ad una città od a una comunità quale quella napoletana, “costitutivamente” arretrata e “minore” nella coscienza collettiva italiana: una situazione assurdamente drammatica, poco comprensibile fuori dal contesto italiano, poiché davvero incredibile. In costanza di tante vite umane perse e tante altre da poter salvare si dileggiava uno scienziato, nell’opera di ricerca e sperimentazione.

In genere si è assistito in Italia al racconto mediatico di una quasi “attesa” che la pandemia si sviluppasse al Sud, territorio, incapace secondo tale racconto né di organizzazione (la totale disorganizzazione e mancanza di eccellenze al Sud è altro pregiudizio diffuso a livello nazionale), la mal celata speranza, quasi spasmodica con servizi televisivi ad hoc di “trovare” persone nelle strade di Napoli non rispettose delle indicazioni governative anti-covid, quasi a conferma del pregiudizio (!); dell’ “incredibilità” che eccellenze venissero da Napoli (l’Istituto Nazionale per lo Studio e la Cura dei Tumori “Fondazione Giovanni Pascale”, ospedale di Napoli presso cui lavora lo scienziato Ascierto, declamato da media internazionali e di cui solo dopo si diede notizia in Italia…), oppure l’ “interrogarsi” sul perché la pandemia avesse colpito il Nord Italia, poiché forse i suoi cittadini fossero più ligi al dovere, avendo, a differenza dei meridionali, il culto del lavoro….

Come ripetiamo sarebbe ilare se questi episodi diffusi dai massi media italiani a livello nazionale, non fossero veritieri nella loro drammaticità nel perorare ed incitare a pregiudizi, stereotipi, discriminazioni o peggio subdole insinuazioni, diffamanti e delegittimanti, verso un intero gruppo umano, quale quello napoletano e meridionale in genere, anche in costanza di un evento tragico per l’intiera umanità, quale quello della pandemia che in Italia ha visto decine di migliaia di morti in Lombardia e centinaia ancora in altre regioni del Nord Italia.

Lo “shock” dei media, della classe intellettuale italiana, per così dire, rispetto alla compostezza di un’intera collettività, quale quella napoletana e meridionale (e questa reazione, a volte isterica, vale più di tante spiegazioni quanto al profondo stereotipo incubato e diffuso, dai media e dalla società italiana verso il cosiddetto Mezzogiorno), le pratiche solidarie (il “panaro” solidale secondo la lezione del dott. Moscati – chi ha metta, chi non ha prenda- la spesa solidaria, la didattica di strada, ecc.) che invece hanno conquistato per la loro umanità il mondo e sono state da esempio per molti paesi, imitati anche in altre parti d’Italia e spacciati in questo caso come propri…tutto ciò ci delinea una situazione che va posta necessariamente innanzi ad un dibattito pubblico, sociale, nazionale ed internazionale.

Se gli atteggiamenti dei media italiani avessero avuto infatti, come obiettivo altre etnie, o soggetti di provenienza etnica differente, se avessero toccato altri gruppi umani o d’orientamento sessuale si sarebbe assistito ad una sollevazione di massa dell’opinione pubblica italiana. Ecco il problema, il silenzio, la convinzione della non meritevolezza quanto a questi temi di alcuna sensibilità, a livello nazionale, in Italia.

Ciò è davvero molto grave in quanto non esistono discriminazioni di livello o categoria differente, o di grado tenue o minore o peggio inesistente, a seconda del gruppo, comunità, collettività, vittimizzate: la più grande discriminazione sarebbe (e purtroppo concretamente si presenta così oggi in tema di Mezzogiorno e Napoli) quella di negare la discriminazione. Essere negazionisti è un crimine ed esserlo verso situazioni di discrimine, pregiudizio, stereotipo per provenienza, verso cittadini che dovrebbero godere di pari uguaglianza davanti alla legge e di piena solidarietà repubblicana nei loro confronti, lo sarebbe in maniera ancor più virulenta.

Parimenti non è più possibile una pedagogia alla minorizzazione o cancellazione o parziale, racconto della intiera storia del territorio meridionale dello Stato Italiano e dei suoi abitanti, attraverso libri di testo scolastici, azioni pubblicitarie, produzioni filmiche, discriminanti, ispiratrici di stereotipi e pregiudizi, (il linguaggio napoletano quale allusivo, per ciò stesso alla criminalità organizzata, ad esempio, di alcune fictions and spot-pubblicitari ad esse connesse, un altro pesante esempio).

E non è più accettabile il silenzio dei cosiddetti intellettuali italiani od attivisti dei diritti civili, tanto pronti a stracciarsi le vesti per fenomeni presunti molto meno  gravi. Ci auguriamo e siamo disponibili  in tal senso ed in ogni momento ad interloquire con la Commissione Segre.

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Avatar
Informazioni su Massimiliano Verde 17 Articoli
Massimiliano Verde esperto e docente di lingua napoletana, promuove nel mondo il patrimonio culturale napoletano e campano in qualità di presidente dell'Accademia Napoletana. Collabora con università, associazioni, personalità che si occupano di diritti, e temi socioculturali.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*