‘A Nuttata nun passa. Appunti di Napoletano

Evidenziamo con il presente articoletto, in modo ironico ma doverosamente scientifico, alcune imprecisioni ortografiche che troviamo spessissimo in rete o in campagne di marketing che si vorrebbero in idioma napoletano.

Ci richiamiamo alla celeberrima frase eduardiana, riportata nel testo di un recente prodotto per gli aficionados partenopei con : “ha da passa’ ‘a nuttata”.

L’occasione è data infatti da un nuovo articolo del merchandising della società sportiva calcio Napoli che, meritoriamente, sembra aver intrapreso da qualche tempo la via dell’identificazione del brand (miérco, in Napoletano) calcio Napoli con la città partenopea e la lingua dei suoi parlanti.

Un excursus nel mare magnum delle grafie più disparate e… strampalate… che possiamo trovare in rete sull’esatta scrizione della frase di cui sopra ci porta davvero ad esilaranti e… sconfortanti strafalcioni riconducibili in primis a…fiumi (adda passa’ ‘a nuttata) a segni diacritici inesistenti (a nuttata) o postposti (a’ nuttata) per poi proseguire con  “acche” volatilizzatesi (manco, ed è questo il caso comme si fossero vongole fujute…) al cospetto di una “a”  senza alcun segno grafico  (ma chiederemmo troppo) e così via.


Ora, premesso che il calcio a Napoli è sacro ed Eduardo per molti è intoccabile due parulelle sono però, obbligatorie. Innanzitutto come avemmo a dire in occasione di una intervista rilasciata da chi scrive alle Nazioni Unite, se è vero che i nostri giganti, da Totò a Massimo Troisi, passando per Eduardo, appunto, sono il nostro vanto nel mondo (ognuno poi ha diritto di critica, ovvio) in quanto espressioni della grande e trimillenaria cultura partenopea, è anche non menzognero il fatto ch’essi mai furono filologhi o stretti ricercatori o storici dell’idioma napoletano, né mai vollero esserlo, per cui ci permettiamo, tornando ô pallone (al calcio) ed in qualità di allievi e studiosi di luminari della nostra lingua, dello stampo ad esempio del compianto Professore Carlo Iandolo e del dottor Raffaele Bracale, di ricordare ai più che, per colpe non proprie, l’ortografia napoletana non la masticano a perfezione, quanto segue.

Accenti, infiniti e pallone

Tralasciando il riconosciuto dai più noti studiosi – come ci ricorda il Ledgeway nella sua poderosa Grammatica diacronica del napoletano –  raddoppiamento di (ha) dda che il compianto Iandolo supponeva risalire ad un tardo latino *hat, (che ritroviamo nella lingua tedesca) per chiarirci le idee dobbiamo  innanzitutto dire che gli infiniti in Napoletano, nelle forme troncate, cioè con la caduta di sillabe finali di parola, vanno scritti con l’accento.

Per esempio avremo fa(re)→fà – magna(re)→magnà – cammena(re)→cammenà –cade(re)→cadé –  murire→murí etc.). Infatti, dai bisillabi in poi, nella duplice ricorrenza di apostrofo ed accento scritto, si pone solo il secondo dei due, il più utile, come raccomanda l’API cioè l’Associazione Fonetica Internazionale,in quanto l’accento, inglobando in sé la doppia funzione (troncamento e tono) è più che sufficiente. Solo l’accento tonico può infatti dare un tono alla parola e può indicarne  graficamente l’esatta pronuncia; per cui chi volesse ad esempio scrivere l’infinito del verbo cadere con la grafia  cade’ commetterebbe un grave errore in quanto questo si dovrebbe leggere càde’ e non cadé (che è la forma corretta). Ecco quindi che la famosa perifrasi eduardiana sottoposta ad un studio corretto del nostro idioma assume una nuova luce con “ha dda //hadda passà ‘a nuttata” e non passa’ (!).

In conclusione, è così stando le cose, la nottata che non passava in costanza di errore, è finita, il calcio Napoli è ancor di più ll’ammore nuosto e speriamo ca ‘a prossima vota se stanno cchiù accuorte quanno fanno ‘e calennare (quando realizzano i calendari). Perché ribadiamo, riportare od alludere a frasi e/o parole scritte da pur grandi maestri quali Eduardo non vuol dire necessariamente certificarne la correttezza ortografica. Forza Napule!

 

 

 

 

 

 

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Informazioni su Massimiliano Verde 17 Articoli
Massimiliano Verde esperto e docente di lingua napoletana, promuove nel mondo il patrimonio culturale napoletano e campano in qualità di presidente dell'Accademia Napoletana. Collabora con università, associazioni, personalità che si occupano di diritti, e temi socioculturali.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*