Il Napoletano, tra errori ed orrori ortografici

Lezione di Lingua e Cultura Napoletana di M.Verde

Il Napoletano, non è affatto un retaggio culturale del passato, di epoche ed ambiti antiquati e “lazzari”, prova ne sia la grande diffusione della cinematrografia, produzione pubblicitaria ed artistica che in qualche modo utilizzano, seppur in modo molto approssimativo (a volte senza capo né coda), l’idioma napoletano.

Lasciando perdere in quest’occasione finalità commerciali, pseudo letterarie, o di “denuncia sociale” molto spesso anche qui senza capo né coda, ci piace in questa notarella dare alcune istruzioni per l’uso, dato il pluriennale lavoro di promozione del nostro patrimonio linguistico culturale che lo scrivente porta avanti in Italia e nel mondo.

Vocali erranti ed accenti volanti…

Occorre osservare prima d’ogni cosa quanto di seguito: innanzitutto scrivere sempre le vocali anche quelle che non si percepiscono o non si pronunciano pienamente e questo perché se le omettiamo non possiamo sapere se ci riferisca ad un essere o cosa di genere maschile o femminile (senza dimenticare che in Napoletano esiste anche il Neutro).
Come esempio possiamo indicare il caso di “brav/bell” che così vedendolo scritto non ci consente di comprendere se appunto chi l’ha scritto voglia riferirsi ad un lei od ad una lei….

Inoltre sono proprio quelle vocali non percepite o non pronunciate in modo pieno che conferiscono alla lingua napoletana quella melodiosità che l’ha resa famosa in tutto il mondo.


Ancòra: quello che per comodità in prima analisi chiameremo “accento” e che impropriamente molti, erroneamente, postpongono agli articoli della lingua napoletana (vergandoli come o’, a’, e’) quando vogliono indicare appunto gli articoli determinativi del Napoletano, va, in questo caso, assolutamente evitato ed invece anteposto all’articolo stesso (correttamente: ‘o, ‘a, ‘e, cioè, il/lo, la, i/gli/le).

Infatti, ciò che occorre indicare come “segno diacritico d’aferesi” va anteposto all’articolo per significare che un tempo in suo luogo c’era una lettera “L” (figlia del latino…) che nel napoletano parlato si è progressivamente persa.

In Napoletano inoltre il complemento oggetto allorché sia persona o soggetto animato va introdotto da una A :
ad es.:
Ho visto tuo padre: Aggiu visto a ppateto
Incontrai Carmela: Ncuntraje a Ccarmela
….e….Salutami tua sorella: Salutame a ssoreta!

Infine e ciò lo verificheremo in altra occasione, mai dimenticare che il Napoletano non è l’Italiano e le due lingue sono diverse come ne è diversa la forma espressiva e l’articolazione del pensiero che le sottende!

Sperando pertanto di aver fatto cosa gradita e soprattutto utile a chi voglia…concretamente rispettare la “lengua”, la cultura e la stessa identità di una civiltà trimillenaria: ‘a napulitana!

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Informazioni su Massimiliano Verde 17 Articoli
Massimiliano Verde esperto e docente di lingua napoletana, promuove nel mondo il patrimonio culturale napoletano e campano in qualità di presidente dell'Accademia Napoletana. Collabora con università, associazioni, personalità che si occupano di diritti, e temi socioculturali.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*