Granato, PaP: “Incontro all’ambasciata di Cuba”

cuba

Ieri sono stato con la portavocedi Potere al Popolo Viola Carofalo all’ambasciata di Cuba a Roma, dopo l’invito che ci è giunto da parte dell’ambasciatore.
Col Ministro Consejero Jorge Alfonzo abbiamo parlato dell’importanza di costruire solidarietà e cooperazione laddove ora ci sono indifferenza, egoismo e concorrenza.
Di Covid-19, del vaccino, delle brigate Henry Reeve e della campagna internazionale affinché questi medici e infermieri vengano insigniti del Nobel per la Pace. Ma anche del “lavoro di base”, dell’importanza delle organizzazioni popolari, di rispondere ai bisogni primari del nostro popolo.
Cuba in questi mesi sta dimostrando al mondo intero che “medici, non bombe” non è solo uno slogan giustissimo, ma un principio che funziona nella pratica. A guadagnarci è la maggioranza della nostra gente.
Cuba è un Paese sotto il “bloqueo” statunitense che, come scrisse Galeano, significa che “a Cuba si nega il pane, il sale e tutto il resto.

L’assedio contro Cuba è la più feroce forma di intervento nei suoi affari interni”

Cuba, però, invece di chiudersi in sé stessa, si apre al mondo, si mette a disposizione di chi soffre, di chi è in difficoltà. Come fatto con l’invio delle brigate mediche Henry Reeve, arrivate anche in Lombardia e Piemonte e prossime a sbarcare in Sicilia, in quel “primo mondo” che si auto-compiace continuamente della propria superiorità e si scopre incapace di rispondere alla pandemia. A differenza di Cuba, un’isola di 12 milioni di abitanti, come la Lombardia, e che ha avuto 137 morti a fronte dei quasi 24.000 della Regione più “avanzata” di un’Italia settima-ottava potenza del mondo.
Cuba, inoltre, sta sviluppando un vaccino contro il Covid-19. Lo fa con ricerca pubblica al 100% e promettendo di mettere i risultati a disposizione dei Paesi in via di sviluppo. Gratuitamente. Nessun profitto, a differenza di Pfizer, Moderna e le altre di Big Pharma, sulla pelle degli esseri umani.
Grazie all’ambasciatore José Carlos Rodríguez Ruiz, al Ministro Consejero Jorge Alfonzo, per le informazioni, per lo scambio di ieri, per il loro lavoro qui in Italia. Grazie a Cuba per gli insegnamenti che in questo difficile 2020 sta mettendo a disposizione di tutti quelli che hanno orecchie per ascoltare e occhi per guardare.
C’è chi in Cuba vede l’ultima traccia del passato. Io, al contrario, continuo a vederci semi di futuro.


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*