Dal Chiapas a Napoli : lingua e diritti

Il fenomeno della globalizzazione e con esso la sottomissione economica, educativa, culturale, militare e gli atteggiamenti negativi nei confronti delle minoranze, delle loro lingue e tradizioni hanno portato alla violazione dei diritti linguistici, culturali e di genere in diverse parti del mondo, tra cui la comunità napoletana, in Italia e Tsotsil in Chiapas, Messico già subordinate a condizioni storiche di discriminazione.

Pertanto, il gruppo scientifico internazionale, “Accademia Napoletana”, proseguendo nell’attività di tutela e promozione del patrimonio sociolinguistico napolitano, ha presentato un lavoro sul tema della violenza di genere contro le donne, per l’università autonoma del Chiapas, con un focus circa la comunità napoletana e della Tsotsil in Chiapas, Messico, appunto.

Il lavoro fa parte di una più  ampia collaborazione internazionale con docenti di sociolinguística, antropologi, filosofi e sostenitori dei diritti civili,tra i quali spicca quello con la professoressa Karla Del Carpio.

Con il lavoro “Derechos lingüísticos, culturales y de género: El caso del napolitano y del tsotsil” (Diritti linguistici, culturali e di genere: il caso del Napoletano e del Tsotsil) si sono quindi evidenziate grosse lacune nella protezione, tanto in Italia che in Messico, quanto alla piena tutela delle comunità culturali, sociali e linguistiche napoletana e tsotsil.


In particolare le forme utilizzate per attuare la vittimizzazione delle donne nelle due comunità sono state analizzate alla luce della Convenzione sull’eliminazione di tutte le forme di discriminazione contro le donne e dei diritti umani solennemente sanciti dalle Nazioni Unite. Si è fatto riferimento anche al sistema educativo e più in generale a fattori socioculturali rispetto ai diritti linguistici e culturali delle donne, con esempi concreti e problematicità.

Allo stesso modo, si è menzionata la collaborazione internazionale dell’Accademia Napoletana in Italia con l’Università del Nord Colorado negli Stati Uniti con lo scopo di difendere, preservare e promuovere i diritti di genere, linguistici e culturali delle comunità napoletane e tsotsil, in particolare quelli delle donne di queste comunità (mass-media sistema educativo, stereotipi, ecc.)

L’occasione per proiettare in un consesso internazionale queste analisi è stata il Coloquio Internacional de Investigación de Lenguas, Literatura y Educación, organizado por el Cuerpo Académico “Paradigmas y la Enseñanza de lenguas” UNACH (università autonoma del Chiapas) cui lo scrivente ha realizzato una videoconferenza ad hoc.

Nello specifico, quanto alla donna di lingua materna napoletana si è sottolineato il ruolo di un certo sistema d’informazione ed educativo in Italia, generatore e consolidatore di stereotipi e di autocolonizzazione sociale come ad esempio la perenne rappresentazione delle donne napoletane e meridionali come grossolane, grasse (modello antitetico al socialmente vincente), ignoranti e volgari e sottoposte a un presunto ed atavico stato di “patriarcato”, uno stereotipo che un certo femminismo “radical chic” aiuta a alimentare.

L’Accademia Napoletana lavora per denunciare questi problemi in collaborazione con comunità sociolinguistiche che vivono con simili minorizzazioni ma che non vedono alcuna attenzione presso la cosiddetta intellighentia italiana, o  quei gruppi ed associazioni che si dichiarano sensibili alla difesa dei diritti delle donne od in generale contro la violenza di genere, soprattutto quanto alla condizione di sottomissione socio-culturale e linguistica della donna napolitana.

Di seguito il link dell’iniziativa.

https://m.facebook.com/story.php?story_fbid=104420764866679&id=102871521688270

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Informazioni su Massimiliano Verde 17 Articoli
Massimiliano Verde esperto e docente di lingua napoletana, promuove nel mondo il patrimonio culturale napoletano e campano in qualità di presidente dell'Accademia Napoletana. Collabora con università, associazioni, personalità che si occupano di diritti, e temi socioculturali.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*