Carotenuto: “Auguro di tutto cuore un buon lavoro spirituale al nuovo arcivescovo di Napoli Mimmo Battaglia”

napoli

Auguro di tutto cuore un buon lavoro spirituale al nuovo arcivescovo di Napoli Mimmo Battaglia.
Gli auguro di operare una netta discontinuità con il suo predecessore sulla gestione del patrimonio immobiliare della Curia di Napoli, sulla gestione dei fascicoli canonici aperti inerenti i preti pedofili operanti in città, sulla gestione delle Arciconfraternite cimiteriali.
Gli auguro di “aprire” i portoni e le sagrestie delle chiese ai poveri che chiedono carità, di ospitare nelle immense proprietà ecclesiali i senzatetto, di percorrere i territori “periferici”, i luoghi esclusi e le famiglie lacerate dal bisogno che non sono al “centro” di nessun ristoro.
Gli auguro una gestione trasparente degli oboli dei napoletani, affinché il denaro ricevuto dal gran cuore dei nostri cittadini venga impiegato per fini solidali visibili, riscontrabili, aperti e condivisi.
Gli auguro di aprire alla socialità diffusa le chiese chiuse, tanto da metterle a disposizione di giovani che hanno voglia di crescere e di fare bene.
Gli auguro di riannodare i rapporti con quei preti in prima linea che sostengono battaglie di civiltà contro le malefatte perpetuate ai danni dell’ambiente e del territorio.

Contro la gerarchia

Gli auguro di combattere la gerarchia ecclesiastica di cui sarà contornato, quella che concepisce la chiesa come un soggetto chiuso, di retroguardia, nascosto. Quella chiesa che fa operazioni di mercato, che non esita a sfrattare dalle sue proprietà famiglie in difficoltà, che pensa a valorizzare i suoi beni a discapito di chiunque non regga il passo.
Gli auguro di non tentare, di nuovo, di mettere le mani sulla gestione del tesoro di San Gennaro, di non farsi prendere dalla tentazione di avocare alla Curia tutta la parte redditizia e patrimoniale del santo patrono.
Gli auguro di rendere pubblico l’impiego del ricavato dell’otto per mille, affinché “domini” la visibilità e la chiarezza nella gestione economica ed arretri qualsiasi sospetto nel suo uso.
Gli auguro di rendere pubblico ogni ragionamento che riguardi promozioni, allontanamenti, declassamenti, riposizionamenti di preti “ordinati” dalla Curia.
Gli auguro di ordinare ai sacerdoti una condotta di vita sobria ma soprattutto vicina alla gente comune; di saper ascoltare, di aprirsi ai nuovi diritti di cittadinanza, di non rinunciare a vivere le contraddizioni dei territori.
Gli auguro di non schierare la chiesa napoletana dal lato dei poteri forti, di non influenzare le decisioni politiche, di partecipare alla vita pubblica e di collaborare con le istituzioni, di non diventare un gruppo di interesse, di sentirsi lontano da organizzazioni chiuse, settarie e da associazioni di iniziazione morale.


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*