Granato, PaP: “La spesa sanitaria in Italia vale l’8,7% del PIL”

granato

La spesa sanitaria in Italia vale l’8,7% del PIL. Di questa nel pubblico va il 6,4%; nel privato il 2,3%.
In Germania la spesa sanitaria vale l’11,7% del PIL, di cui 10% nel pubblico, mentre quella privata è pari ‘solo’ all’1,7%. Discorso simile per la Francia: 11,2% di spesa sanitaria, di cui 9,4% nel pubblico e 1,8% nel privato.
In Italia nel 2019 la spesa sanitaria pro-capite era di 2.473€. La media dei Paesi OCSE è di 2.572€, che salgono a 3.644€ per la Francia e a 4.504€ per la Germania.

In Campania la spesa sanitaria pro capite non raggiunge i 1.800€

In Italia dal 2010 c’è stata una costante eliminazione del personale sanitario. Tra il 2008 e il 2017 si sono “persi” 42.800 lavoratori a tempo indeterminato. Una riduzione pari al 6,2%.
In Campania, tra il 2008 e il 2017 i medici sono stati tagliati del 18%, gli infermieri dell’11%, il personale amministrativo del 20%.
Oggi ci troviamo senza posti letto, senza macchinari medicali, senza medici, infermieri, OSS.
Un motivo c’è: la sanità pubblica è stata scientificamente distrutta.
Responsabile è chi ha governato, chi è stato Commissario Straordinario, responsabili sono gli ideologi dell’austerity, delle spending review, dei tagli lineari, del blocco del turn-over. Responsabile è la classe dirigente tutta, non solo gli ultimi arrivati.


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*