Clemente: “La vera devastazione l’hanno fatta gli uomini chiamati a ricostruire”

Sono passati quarant’anni da quei terribili 90 secondi che devastarono l’Irpinia e vaste aree della Campania, compresa Napoli, e della Basilicata. Io non c’ero. I tanti giovani che oggi si affannano per migliorare questa città, questa regione e questo paese, non c’erano ancora. Eppure, a distanza di quarant’anni dal terremoto del 1980, tutti noi che i quaranta ancora non li abbiamo raggiunti o che li abbiamo da poco superati, continuiamo a pagare le conseguenze di quel sisma e delle colpe di chi doveva ricostruire ed invece ha creato le basi per un’altra distruzione. Chiunque abbia occhi attenti vede le conseguenze del sisma, ma io non solo le vedo, le leggo; le leggo nei bilanci della nostra città, quelli che ogni anno vengono presentati in aula. In quei bilanci ci sono i conti di quello che noi definiamo “debito ingiusto”.

Non serve essere storici o esperti di finanza amministrativa per leggere in quei costi un’ingiustizia

Vorrei soltanto ricordare, a quelli più grandi di me e rivelare, a quelli che sono coetanei o più piccoli di me, che noi siamo i nipoti amministrativi di nonni che ci hanno trasmesso un’eredità ingiusta e pesante e che non è stata cancellata ma vive nel bilancio, così come di ieri, anche di oggi, della città di Napoli e questo compromette di molto la nostra azione, perché devi decidere ogni volta, quante risorse vuoi dedicare allo sviluppo della città e quante risorse devi appostare a copertura di quel debito.

Nel dopo terremoto, parlo del 1981, 39 anni fa, con i soldi che servivano per costruire case degne di questo nome, servizi, infrastrutture, i quarantenni ed i cinquantenni di allora hanno utilizzato una cospicua parte di quei soldi, soldi di tutti gli italiani, per finanziare altro. I loro partiti, i progettisti e tecnici amici, le imprese e, ahimè, la camorra, che da quella disgrazia che causò più di quattromila morti ne uscì rafforzata, anzi cambiata. Divenne imprenditrice e si sedette al tavolo delle spartizioni a pieno titolo, come tanti processi e inchieste hanno poi dimostrato. Tavolo dal quale forse non si è mai alzata. Di quella massa enorme di soldi, 60 mila miliardi di vecchie lire, una piccola parte fu gestita dai sindaci dell’epoca (cinquantenni, sessantenni e qualche quarantenne) in veste di commissari straordinari. E furono affidati lavori, commesse, senza che vi fossero le coperture. Perché si usava così, perché quei nostri “nonni” sindaci e assessori, pensavano che poi lo Stato avrebbe ripianato tutto.

Non è stato così

Quelle somme sono state addebitate alla città di Napoli, sono nel nostro bilancio, ancora presenti dopo 40 anni e anzi, sono anche “cresciute” attraverso gli interessi collegati. Noi abbiamo ereditato, dunque, non soltanto un debito dal terremoto dell’80, ma le conseguenze devastanti di un modo irresponsabile e talvolta criminale di amministrare. Quel sisma è durato 90 secondi, ha causato più di quattromila morti, ma la vera devastazione l’hanno fatta gli uomini chiamati a ricostruire. Noi oggi dobbiamo ricordare qualcosa che dovrebbe appartenere al nostro passato, alla nostra storia, ma che invece appartiene al nostro presente ed apparterrà al nostro futuro, perché le crepe e gli squarci di quel sisma sono ancora vivi. Sono vivi perché nessun governo ha voluto togliere ai figli di Napoli il peso degli errori dei loro nonni, perché nessuno ha compreso quanto questo debito sia ingiusto ed ingeneroso, anche perché situazioni simili sono state poi totalmente messe a carico dello stato. Napoli no, Napoli le ha a suo carico.


Deve farcela da sola

Il debito è ingiusto proprio per questo e io non voglio pagare e non voglio che a pagare siano quei nipotini deboli ai quali i nonni irresponsabili hanno rubato la cosa più importante: il futuro!
Ed a proposito di ricordi e di testimonianza. Occorre distinguere per non confondere. Non tutti i nonni sono uguali. Non posso esimermi dal ricordare il nonno che ha insegnato a noi “nipoti amministratori” che l’onestà è più di un valore, e che alla camorra non solo si può dire di no, ma si deve dire di no; il nonno che ha raccontato a tutti noi la favola della lealtà e della legalità come mezzo e fine, come sostanza e lo ha fatto per svegliarci, non per addormentarci.

Per costruire, non per distruggere

Marcello Torre, il sindaco di Pagani, ucciso dalla nuova camorra organizzata di Cutolo.
Noi ci sentiamo gli eredi di questo nonno e dei tanti nonni, che non sono tragicamente noti, ma che non hanno mai depredato e sfruttato il proprio territorio. Siamo e vogliamo essere nipoti dei giusti e non di chi ha rubato e distrutto la propria terra.

Foro Annamaria Torre, figlia di Marcello Torre

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*