Ruocco: “Una storia tutta italiana iniziata ai tempi del naufragio del Titanic, quella della Banca Capasso”

ruocco

Una storia tutta italiana iniziata ai tempi del naufragio del Titanic, quella della Banca Capasso, fondata nel 1912 dal ventiquattrenne Antonio Capasso ad Alife (Caserta). Un piccolo istituto di credito che conta 4 sportelli nel matese per un totale di 26 dipendenti: 32 milioni di fondi propri e crediti alla clientela per circa 60 milioni.
Da pochi giorni è stata ceduta ad IBL (istituto bancario romano specializzato nella cessione del quinto). Chiude una storia lunga 108 anni senza un solo bilancio in passivo, una banca “sana” e a conduzione familiare che esce a testa alta, prima che il cambiamento e i recenti eventi avrebbero peggiorato la situazione. Un piccolo sogno che ha superato due guerre mondiali, la spagnola, l’ebola, la crisi del ’29, il crollo delle Torri gemelle, la recessione del 2007.


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*