Malato, RES: “Momento difficile per tutti, occorre il massimo sostegno alle PMI”

res

Come vede RES oggi i movimenti  politico sindacali di associazione finalizzati ad indirizzare le azioni economiche di ristoro ?

 

Ne abbiamo parlato con Paolo Malato delegato a Napoli di RES (www.terzares.org)

Momento difficile

“Il momento è difficile per tutti, anche per chi dovrà pianificare intervento di sostegno. Sebbene sembrino tanti, i contenuti UE non saranno sufficienti a sostenere tutte le diverse economie presenti nel paese e i singoli settori industriali, commerciali e professionali. Tutti risentono di un forte calo del fatturato e chi ha la responsabilità di governo ha un compito ingrato; ci sarà sicuramente qualcuno che rimarrà insoddisfatto”.


Guerra dei bottoni

“Ci troviamo di fronte ad una guerra dei bottoni nella quale ognuno cercherà di tutelare i propri interessi.  Ogni Associazione premerà per far sviluppare profitti alle aziende socie e speriamo che almeno questa volta non vadano sostegni a quelle organizzazioni che, non pagano tasse in Italia perché con teste e portafogli all’estero. Lo Stato italiano ne uscirebbe gravemente compromesso se si piegasse ai voleri delle grandi aziende che non pagano le tasse in Italia. Su questo punto né Conte né Zingaretti né Di Maio ne hanno parlato e dato rassicurazioni. I diritti ad un sostentamento lo devono avere i commercianti i coltivatori diretti e le PMI italiane che incidono e pesano sull’economia ancora per il 90%. Se lo Stato privilegiasse maggiormente una minoranza a scapito del 90% non sarebbe uno Stato equo ma asservito al giogo di pochi. Le PMI devono essere attente e vigilare affinché i propri diritti siano tutelati al pari di quelli delle grandi aziende.  L’Italia non è come in altri Paesi la nazione delle grandi imprese (che da noi spesso vuol dire multinazionali o partecipate da fondi anonimi come ben evidenziati REPORT di  RAI 3 nei suoi scoop).

Piccole microimprese

“L’Italia è costituita da piccole imprese o da microimprese, quelle che ancora investono e assumono. Chi ci assicura che gli industriali non incassino fondi per aprire con altri brand in paesi a maggior convenienza di costo del lavoro? A Landini CGIL ciò potrebbe suonare come un de prufundis, ma nel frattempo avrebbe consumato il suo mandato. Se le Regioni avessero una conduzione illuminata da parte di persone non coinvolte in mille scandali senza fine, forse lo Stato potrebbe girare a loro i fondi per sostenere le imprese, ma con le Regioni mediamente fameliche e incontrollabili con gli approfittatori ed incompetenti di turno, si darebbe un alibi allo Stato ed un canale collusivo a pochi amici degli amici”.

Come evitarlo?

“Gli attuali rappresentanti di maggioranza ed opposizione non offrono garanzie di serietà. Tutto l’arco costituzionale è di dubbia reputazione ma colui che più si esposto ed ha dato chiaro segnale di inaffidabilità è Luigi Di Maio, che si è autoproclamato il sostenitore di garanzia Istituzionale per lo Stato, ma che ormai ha toppato tutti i programmi che ha sbandierato, perché nonostante l’enfasi, finora non si sono avverati. E’ diventato ormai il politico più simile ai fanfaroni degli anni addietro: scaltro ma pericoloso e inaffidabile. La politica economica da portare avanti deve essere il più possibile a beneficio di molti per un bene comune e non di pochi;  ben vengano trasmissioni come Report  che con intelligenza investigativa e sagacia giornalistica,  smascherano collusioni e mostrano i Re o presunti Re nudi, davanti al Popolo Italiano che, nonostante abbia ancora molta strada da fare nel senso civico e dello Stato, merita la  massima serietà di conduzione  governativa e non può e non deve  essere più preso in giro da imbonitori di turno.

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*