Indice prezzi al consumo Napoli ad ottobre

potere al popolo

Gli indici dei prezzi al consumo di ottobre 2020 sono stati elaborati nel contesto di una progressiva riduzione della gravità dell’emergenza sanitaria dovuta al diffondersi del Covid-19 in Italia e di riapertura di buona parte delle attività commerciali di offerta di beni e servizi di consumo. Pur rimanendo sopra la norma, il numero di mancate rilevazioni è quindi diminuito (analogamente a quanto accaduto a giugno, luglio, agosto e settembre). L’impianto dell’indagine sui prezzi al consumo, basato sull’utilizzo di una pluralità di canali per l’acquisizione dei dati, ha consentito di ridurre gli effetti negativi dell’elevato numero di mancate rilevazioni sulla qualità delle misurazioni della dinamica dei prezzi al consumo. La situazione che si è venuta determinando e le modalità con le quali è stata via via affrontata sono illustrate nella Nota metodologica, alle pagine 19, 20 e 21 del comunicato stampa diffuso oggi dall’Istat. Come ricordato nella Nota metodologica dell’Istat, gli indici ai diversi livelli di aggregazione, sia nazionali sia locali, che hanno avuto una quota di imputazioni superiore al 50% (in termini di prezzi mancanti e/o di peso), sono segnalati mediante l’utilizzo del flag “i” (dato imputato).

 

Variazione del o,5%

Nel mese di ottobre 2020 la variazione dell’indice mensile dei prezzi al consumo (NIC) è pari a 0,5. Il tasso tendenziale (0,5) è in aumento rispetto al mese di settembre (0,2). Si evidenziano di seguito le variazioni più rilevanti della categoria delle sottoclassi di prodotto all’interno delle 12 divisioni.

DIVISIONE ”Prodotti alimentari e bevande analcoliche”: in aumento riso (0,6), farina e altri cereali (0,7), pane (0,2), altri prodotti di panetteria e pasticceria (0,6), pasta secca pasta fresca e preparati di pasta (1,4), cereali per colazione (2,2), pollame (0,5), altre carni (0,3), salumi (0,6), altri preparati a base di carne (0,2), pesci freschi (1,1), latte intero (0,3), latte conservato (0,6), formaggio e latticini (0,2), uova (0,9), burro (0,3), olio d’oliva (0,9), altri oli alimentari (0,9), frutta fresca (2,8), frutta secca (0,5), conserve di frutta e prodotti a base di frutta (0,8), vegetali freschi (6,8), vegetali secchi (0,2), patate (0,2), cioccolato (1,1), gelati (4,1), salse e condimenti (1,2), sale spezie ed erbe aromatiche (0,8), alimenti per bambini (2,2), altri prodotti alimentari n.a.c. (1,2), caffè (0,9), cacao e cioccolata in polvere (0,4), acque minerali (0,2), bevande analcoliche (1,2). In diminuzione: altri prodotti a base di cereali (-1,6), pesci surgelati (-2,8), frutti di mare freschi (-1,4), frutti di mare surgelati (-1,7), altri pesci e frutti di mare conservati (-0,6), altri prodotti a base di latte o similari (-0,1), margarina e altri grassi vegetali (-1,2), vegetali surgelati (-1,1), patatine fritte (-0,4), zucchero (-1,0), confetture, marmellate e miele (-0,7), confetteria (-0,7), piatti pronti (-0,9), tè (-1,3).


DIVISIONE ”Bevande Alcoliche e Tabacchi”: in aumento alcolici e liquori (1,0), aperitivi alcolici (0,4), vini da uve (0,8), birre lager (1,5), birre a basso contenuto di alcol (0,3). In diminuzione vini liquorosi (- 3,9), birre lager (-0,2).

DIVISIONE ”Abbigliamento e Calzature” : in aumento indumenti per uomo (1,2), indumenti per donna (1,9), indumenti per neonati e bambini (1,2), calzature per uomo (0,6), calzature per donna (0,7), calzature per neonati (0,9).

DIVISIONE ”Abitazione, acqua, energia e combustibili”: in aumento servizi idraulici (0,8), servizi di pittori (1,5), servizi di carpentieri (1,6), energia elettrica (6,9), gas di città e gas naturale (8,6), gasolio per riscaldamento (4,5).

DIVISIONE “Mobili, articoli e servizi per la casa” : in aumento altri piccoli elettrodomestici (2,2), utensili da cucina non elettrici e articoli domestici non elettrici (0,2), accessori vari (0,3), prodotti per la pulizia e la manutenzione per la casa (0,8). In diminuzione frigoriferi, freezer e frigi freezer (-0,3), lavatrici, asciugatrici e lavastoviglie (-0,3), apparecchi per cottura cibi (-0,3), apparecchi per riscaldamento e condizionatori d’aria (-4,1), apparecchi per la pulizia della casa (-0,9), altri articoli non durevoli per la casa (-0,5).

DIVISIONE “Servizi sanitari”: nessuna variazione.

DIVISIONE “Trasporti”: in aumento automobili nuove (0,2), manutenzione e riparazione mezzi di trasporto privati (0,2), trasporto ferroviario passeggeri (4,6), trasporto marittimo (10,8). In diminuzione automobili usate (-0,1), gasolio per mezzi di trasporto (-1,5), benzina (-0,2), voli nazionali (-45,3), voli internazionali (-6,7).

DIVISIONE “Comunicazioni” : In aumento servizi di telefonia fissa (2,5), connessione internet ed altri servizi (0,7), servizi di telecomunicazione bundle (2,0). In diminuzione apparecchi per la telefonia fissa e telefax (-4,4), apparecchi per la telefonia mobile (-1,0).

DIVISIONE “Ricreazione,Spettacoli e Cultura”(i): in aumento apparecchi per la ricezione, registrazione e riproduzione di suoni (2,0), altri apparecchi per la ricezione, registrazione e riproduzione di suoni e immagini (1,9), apparecchi per il trattamento dell’informazione (1,9), accessori per apparecchi per il trattamento dell’informazione (1,5), autocaravan, caravan e rimorchi (0,7), giochi e hobby (1,7), piante e fiori (1,6), prodotti per animali domestici (1,2), narrativa (2,6), servizi di rilegatura e E-book download (11,4), giornali (0,5), altri articoli di cancelleria e materiale da disegno (1,1). In diminuzione macchine fotografiche e videocamere (-1,6), supporti con registrazione di suoni, immagini e video (-4,5), altri supporti per la registrazione (-7,2), imbarcazioni, motori fuoribordo ed equipaggiamento per imbarcazioni (-0,8), articoli sportivi (-0,8), servizi ricreativi e sportivi- fruizione come praticante (-0,7) pacchetti vacanze nazionali (-4,4), internazionali (-0,7).

DIVISIONE “Istruzione” : In diminuzione istruzione universitaria, escluso dottorato di ricerca (ISCED).

DIVISIONE ”Servizi ricettivi e di ristorazione” (i): in aumento fast food e servizi di ristorazione take away (0,4), alberghi, motel, pensioni e simili (2,9). In diminuzione villaggi vacanze, campeggi, ostelli della gioventù e simili (-7,9)(i).

DIVISIONE “Altri beni e servizi”: in aumento apparecchi non elettrici (2,4), articoli per l’igiene personale ed il benessere, prodotti di bellezza (0,7). In diminuzione spese bancarie e finanziarie (-0,1).

 

(i) Indice calcolato imputando, perché non disponibili o non utilizzabili, dati elementari rappresentativi del 50% e più del peso dell’aggregato.

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*