Granato, PaP: “Tra i punti deboli del sistema sanitario c’è la carenza di personale”

caserta

Tra i punti deboli del sistema sanitario c’è la carenza di personale. Soprattutto specializzato.
In Campania, poi, è una piaga. Lo stesso De Luca, dimenticando di esser stato egli stesso uno dei “boia”, da Commissario Straordinario e Presidente della Regione dal 2015, denuncia tale carenza, che la CGIL quantifica in almeno 16.000 lavoratori e lavoratrici.
E, allora, diventa inammissibile la storia denunciata da Nursind, sindacato degli infermieri, che afferma che già diversi lavoratori stanno abbandonando l’ASL Napoli 1.

Perché?

Perché qui vengono offerti contratti precari da 6 o 8 mesi. La stabilizzazione diventa una chimera, anche per chi è stato impiegato addirittura per 38 mesi, cioè più di 3 anni, e in questi ultimi mesi magari ha lavorato in un reparto di Rianimazione per pazienti Covid.
Vanno via dall’ASL Na1 in cerca di una dignità e stabilità lavorativa. Offrire loro questa possibilità qui a Napoli e in Campania, oggi, non domani, non è solo un atto di giustizia nei loro confronti. È un atto teso a prendersi cura del nostro popolo in un momento di enorme sofferenza in cui ogni lavoratrice e ogni lavoratore è un argine prezioso per evitare che si cada nel precipizio. E un’ottima opera di prevenzione per un futuro più “sicuro”.
Verdoliva, direttore generale dell’ASL Na1, e i dirigenti tutti agiscano subito. Non è tempo di traccheggiare. È tempo di agire e, per di più, dare il giusto riconoscimento a coloro che a marzo e aprile venivano applauditi come “eroi” e oggi vengono nuovamente abbandonati.


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*