Napoli, la prima seduta del Consiglio sul bilancio di previsione si è conclusa per mancanza del numero legale

napoli

Il Consiglio comunale si è riunito stamani in videoconferenza, alla presenza di 21 consiglieri, per la prima delle tre sedute convocate per l’esame del Bilancio di Previsione 2020/2022. Respinta una pregiudiziale del consigliere Carmine Sgambati (Italia Viva), che chiedeva il rinvio della seduta e la convocazione in presenza, alla verifica del numero legale, chiesta subito dopo, è stata constatata la presenza di soli 18 consiglieri. La seduta è stata quindi sciolta e i lavori aggiornati a domani.

Presieduto da Alessandro Fucito, il Consiglio comunale si è riunito oggi in videoconferenza con la partecipazione di 21 consiglieri.

In apertura Fucito ha ringraziato il vicepresidente Fulvio Frezza, che ha rassegnato le dimissioni dall’ufficio di presidenza, e gli ha rivolto le congratulazioni per il suo nuovo incarico in Regione. A nome del Consiglio comunale, Fucito ha poi espresso le condoglianze ai consiglieri Maria Caniglia e Vincenzo Solombrino, gravemente colpiti negli affetti personali dalla pandemia, invitando il Consiglio a osservare un minuto di silenzio.

Il presidente ha quindi dato lettura di una nota ricevuta dall’onorevole Mara Carfagna, che ha annunciato la volontà di dimettersi dall’incarico di consigliera comunale per motivi personali e per la difficoltà di conciliare l’incarico stesso con le sue attività politiche e parlamentari.


Gli interventi

Stanislao Lanzotti (Forza Italia) ha ringraziato la collega di partito, rivolgendo un pensiero al collega Umberto Minopoli, che sarebbe dovuto subentrare nella carica se non fosse recentemente scomparso, invitando l’Aula ad associarsi al suo ricordo.

Elena Coccia (Sinistra Napoli in Comune a Sinistra) ha salutato Carfagna ricordandone le qualità di donna sempre attenta e presente alle discussioni importanti in Consiglio e rivolgendole un ringraziamento per quanto svolto nel suo ruolo di ministra per le Pari opportunità.

Il sindaco Luigi de Magistris ha rivolto un saluto ai consiglieri Caniglia e Solombrino e ha espresso apprezzamento per il lavoro svolto da Mara Carfagna che, pur nella diversità dei ruoli, ha partecipato al Consiglio con interventi documentati e puntuali, dicendosi certo che in Parlamento non farà mancare la sua vicinanza alla città.

Nei successivi interventi, Andrea Santoro (Misto – Fratelli d’Italia), Matteo Brambilla (Movimento 5 Stelle), Roberta Giova (La Città) e Nino Simeone (Misto) hanno chiesto di valutare se la nota inviata da Carfagna sia da considerarsi come lettera formale di dimissioni dall’incarico.

Il presidente Fucito ha chiarito che le dimissioni di Carfagna non sono state ancora formalizzate secondo le procedure previste dal Testo Unico degli Enti Locali, argomentazione confermata poi da Patrizia Magnoni, segretario generale del Comune; la consigliera quindi fa ancora parte del Consiglio comunale, e quando le dimissioni saranno formalizzate nei modi previsti dalla legge, si potrà procedere alla surroga.

Accogliendo l’invito di Carmine Sgambati (Italia Viva), Fucito ha letto anche una nota trasmessa dal consigliere Vincenzo Moretto (Misto – Lega Napoli Salvini), con la quale lo stesso ha giustificato la propria assenza con la contrarietà a trattare l’importante tema del bilancio in sedute consiliari in videoconferenza e non in presenza.

Sgambati ha quindi letto una propria “pregiudiziale” e ha chiesto di rinviare a una successiva seduta in presenza i lavori consiliari, considerato che ci sono sedi che garantiscono il distanziamento e perché, come già detto in Conferenza dei Capigruppo, la modalità prescelta non consente un adeguato confronto. La pregiudiziale è stata quindi votata per appello nominale e respinta, avendo riportato 18 voti favorevoli, 17 contrari e un’astensione e non avendo raggiunto la maggioranza dei voti che, su 36 presenti, è di 19. Subito dopo, Sgambati ha chiesto la verifica del numero legale. Constatata la presenza di 18 consiglieri, la seduta è stata sciolta. Il Consiglio comunale è convocato per domani, sempre in videoconferenza, con inizio alle ore 10.

 

Question Time

Nell’ora precedente all’inizio della seduta, si è svolto il Question Time, presieduto dal vicepresidente Salvatore Guangi. Marco Nonno (Misto – Fratelli d’Italia) è intervenuto sul progetto per l’avvio di un mercatino sperimentale in Piazza Nolana, sulle problematiche relative all’ordine di sospensione di opere abusive in Via Montagna Spaccata a Pianura, sulla problematica degli alloggi comunali in Via Campano a Piscinola, sui lavori di abbattimento e ricostruzione di alloggi comunali in Via Torricelli e in Via Cannavino a Pianura, sull’intitolazione di Via Marano-Pianura al professor Giulio Andreoli e sulla gestione di “Napoli Sotterranea”, con risposte dell’assessora al Patrimonio Alessandra Clemente e dell’assessora alle Attività produttive Rosaria Galiero.

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*