Granato, PaP: “Alcuni insegnamenti dalla Campania e dalla Calabria”

granato

Nei giorni scorsi la Campania è stata definita “zona gialla”, fra quelle a minor rischio in tutta Italia.
Poco importa se da qui si vedono ospedali che scoppiano, una rete 118 al collasso, medici di Medicina Generale alla rincorsa affannosa dei bisogni del propri pazienti, la quasi totalità dei servizi ordinari sospesi, sempre più ospedali riconvertiti dalla sera alla mattina, il mercato più selvaggio e deregolamentato sulla somministrazione privata di tamponi.
Poco importa se chi non ha il Covid è ormai relegato al totale abbandono sanitario e nei casi peggiori muore senza alcun soccorso.
Ciò che conta, pare, sono i soli dati di De Luca. “Non attendibili” secondo lo stesso Istituto Superiore di Sanità. È il segreto di pulcinella che quei dati non tornano, sono falsi, lo sanno tutti.
Quotidianamente sconfessati dalla cronaca e dalle testimonianze dei lavoratori, dalle organizzazioni sindacali del comparto sanitario, dagli utenti stessi dei servizi sanitari, che raccontano pezzetti diversi di uno stesso incubo collettivo.

La zona gialla è stata dichiarata nello sconcerto collettivo

Nel ping pong di responsabilità, né a Roma né a Santa Lucia pare sia ancora ora di pensare ai cittadini piuttosto che al proprio consenso politico.
Ieri sera, poi, guardando “Titolo Quinto” scopriamo che la sanità calabrese – e dunque la salute dei calabresi! – è abbandonata a sé stessa non da ieri, non da marzo scorso, ma da decenni.
Il commissario alla sanità Cotticelli – perché anche la Calabria, come la Campania fino al 2019, era ed è soggetta a un piano di rientro sotto commissariamento – non solo non ha fatto niente per tamponare l’emergenza, ma non aveva nemmeno idea che fosse lui a dover elaborare un piano per affrontare la pandemia. “Chi? Io?” rimarrà a futura memoria dell’inettitudine della nostra classe dirigente. E solo in seguito alla pubblicazione della sua intervista, un tweet di Conte ne ha promesso il licenziamento, nascondendo le responsabilità di un Primo Ministro che l’aveva scelto come commissario all’epoca del Conte 1 e confermato nel Conte 2.

La Campania insegna a tutta Italia che importante non è solo la quantità di denaro che si investe, ma anche il come

E che, paradossalmente, anche fiumi di denaro investiti in sanità possono non significare niente in termini di ricadute sui servizi.
La Calabria insegna a tutta Italia che il commissariamento di una classe politica locale insulsa può significare cadere semplicemente dalla padella alla brace.
La verità è che sbaglia chi pensa si tratti solo di colpe e inadeguatezze individuali, di pochi governanti. La verità è che in Italia un servizio essenziale come la sanità pubblica è strutturalmente sequestrato e subordinato a interessi politici di pochi gruppi di potere che si perpetuano, grazie a questo, da decenni.
Nomine dirette, convenzioni e appalti opachi, assenza di supervisione sull’operato dei vari Presidenti e assessori e dirigenti sanitari, sulla spesa sanitaria, aziendalizzazione e regionalizzazione della sanità hanno concimato sempre più, negli anni, il disastro di cui stiamo facendo le spese oggi. E l’emergenza ha semplicemente reso visibili a tutti, anche ai più distratti, le responsabilità della nostra classe dirigente.
Una classe dirigente inadeguata e incapace di rispondere agli interessi e bisogni della maggioranza della nostra gente, buona solo ad aggrapparsi alle poltrone e a favorire consolidati gruppi di potere.


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*