Clemente: “Questa mattina ho voluto incontrare la mamma e il papà di Antonio Landieri”

napoletani

Questa mattina ho voluto incontrare la mamma e il papà di Antonio Landieri. Oggi, il giorno in cui ricorre il sedicesimo anniversario della sua morte, abbiamo voluto consegnare loro il crest del Comune di Napoli per ribadire la vicinanza di un’intera città nel momento in cui il perenne dolore dovuto alla perdita di un caro si riacutizza e per riaffermare l’impegno della città a mantenere viva la memoria di Antonio. Antonio era un giovane di 25 anni con tutta la vita davanti ucciso dalla camorra a Scampia durante una sparatoria in cui furono ferite altre cinque persone. Stavano giocando a calcio balilla quando vennero raggiunti da decine di colpi d’arma da fuoco.

Gli altri riuscirono a scappare, a mettersi in salvo, ma Antonio no, Antonio non ci riuscí

Del resto scappare non era semplice per lui, perché Antonio era disabile. Ma la sua morte non è dipesa tanto dalla sua disabilità fisica, ma dalla disabilità emotiva e sociale dei camorristi. Disabili e quindi non abili, nel loro caso a provare empatia, a rispettare il prossimo e lo spazio fisico e sociale che con esso condividono. Non abili a vivere insieme agli altri e per gli altri, come faceva Antonio. Non abili a combattere per affermare i propri sogni, nonostante le difficoltà, a giocare senza barare. Ai suoi genitori e ai suoi fratelli va il nostro abbraccio e una promessa. Noi ci impegneremo ogni giorno affinchè Antonio non venga dimenticato e affinché quello che è stato non riaccada più.
In questa foto la mamma ed il papà di Antonio, marciano sotto la pioggia, siamo insieme a Genova, era il 21 Marzo, Giornata Nazionale della Memoria e dell’Impegno per le vittime innocenti di mafia, del 2017.


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*