Granato, PaP: “Occorrono più controlli per evitare altre morti sul lavoro”

lavoro

Da gennaio a settembre 2020, ben 927 “omicidi bianchi”, morti sul lavoro. +18% rispetto all’anno scorso. La Campania detiene il quarto posto tra le Regioni in questa poco invidiabile classifica. E la provincia di Napoli ha lo stesso record calcolato su base provinciale: quarta.

Quando si guarda a questi dati, bisognerebbe chiedersi perché

Perché può succedere che anche in un intervallo che comprende i mesi del lockdown, della chiusura di numerose attività, i morti sul lavoro aumentino. E pensare che quelli “in itinere”, cioè lavoratori e lavoratrici che perdono la vita nel tragitto casa-lavoro-casa, calano del 30%.
Con la pandemia, a mordere non è solo la crisi sanitaria, ma anche quella sociale ed economica.

Quando a bussare è la fame, il ricatto sul posto di lavoro si fa più stringente

Perché elabori una personale classifica del rischio: quello di non riuscire a mettere il piatto a tavola – nell’immediato o nel medio periodo – è più concreto di quello di perdere la vita per l’assenza di misure di sicurezza adeguate.
Per questo motivo è tanto importante insistere sulla necessità di controlli. Perché se sul singolo posto di lavoro si subisce pesantemente il ricatto “o salute o salario”, bisogna che le istituzioni proteggano il diritto alla vita ed evitino che i figli del nostro popolo debbano sottostare a questa vera e propria infamia.


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*