PaP, alcune note sulla gestione sanitaria del COVID-19 e su come scongiurare il peggio

campania

Leggere la stampa locale, in queste ultime settimane, è come stringere in mano un bollettino di guerra.

Cifre di positivi esorbitanti, reparti COVID-19 saturi, medici in profondo allarme, storie di contagi e di aggravamenti che segnalano un totale abbandono sanitario, le prime aree della provincia di Napoli e Caserta ufficialmente in zona rossa.

Sembra che il collasso definitivo dei nostri servizi bussi sempre più insistentemente alle nostre porte e che il lockdown sia l’ultima spiaggia cui aggrapparsi.

Tiriamo le somme di ciò che è lo stato della sola sanità regionale: cosa ha fatto, in questi otto mesi, il presidente De Luca?
Niente di efficace, solo chiacchiere e spot elettorali.


C’era tutto il tempo per potenziare il servizio pubblico nella mobilità, nella scuola, nella sanità

Ci siamo ritrovati, invece, nei soliti carri bestiame, nelle solite classi pollaio, e nei soliti padiglioni ospedalieri fatiscenti, sovraffollati, privi di personale e del tutto disorganizzati. Servizi smantellati da anni di commissariamento e mala gestione di cui De Luca è stato fautore.

C’era tutto il tempo per organizzare diversamente le risorse già disponibili, elaborare piani per un’emergenza assolutamente prevedibile e prevista da tutti, non lasciare che il virus si diffondesse lungo la direttrice del turismo, ma tracciarne la diffusione fin dagli scali aeroportuali e marittimi: non dalla metà di agosto, ma dagli inizi di giugno.

Nulla è stato fatto.

Eppure la popolazione campana ha continuato a dare fiducia al governatore, credendo, come ci ha raccontato, che la scarsa diffusione del virus nella prima ondata fosse merito del suo rigore.

Ed invece, cosa sta facendo De Luca in questi giorni?

Si è limitato ad aprire definitivamente la strada ai privati per qualsiasi speculazione, ha bloccato visite e ricoveri ritenuti “non urgenti” nel servizio pubblico, ha ristretto di tantissimo la possibilità di accedere ai tamponi mediante servizio pubblico, come nel caso dell’ultima disposizione che limita gli accessi al Frullone.

Poi ha chiuso le scuole, mettendo in discussione l’impegno di questi mesi dei docenti e degli operatori piuttosto che la sua incapacità di garantire un trasporto pubblico decente e di organizzare diversamente gli ingressi, gli spostamenti. Oggi continua a insistere sulla necessaria serrata dei locali, dei piccoli esercizi commerciali, a sbraitare contro la movida, a prendersela coi singoli cittadini, soprattutto coi giovani. Lo scorso venerdì ha annunciato persino il lockdown, salvo poi fare marcia indietro, piegandosi al volere del governo e della conferenza Stato-Regioni, coi quali ancora oggi continua a giocare a rimpiattino per la spartizione delle rispettive responsabilità politiche.

Pare che per tutti loro sia sempre meglio che moriamo di Covid e malasanità piuttosto che scontentare Confindustria o mettere mano alle casse pubbliche per garantire sussidi, ammortizzatori sociali e reddito a chi sta pagando sempre più caro il prezzo di questa crisi sanitaria, economica, sociale.

A fronte di tutto questo, il “non fare”, il “non programmare” degli ultimi mesi non è stato frutto di semplice incapacità davanti all’emergenza, ma è stato il piano con cui garantirsi la rielezione alla Regione Campania attraverso un sistema di clientele e cooptazione fittissimo e capillare.

De Luca non è stato realmente con le mani in mano

La stessa Autorità Nazionale Anticorruzione ha indagato sulle cifre e sulle modalità operative sui generis del Governatore, rendendo noto che nel solo periodo gennaio-aprile 2020, parallelamente alla spropositata ondata di terrorismo mediatico e colpevolizzazione cui ci ha sottoposto, sono stati bruciati 204 milioni di euro, bandite ben 1279 gare d’appalto per forniture e servizi.

A restituire il quadro dei fiumi di denaro sprecati e distribuiti fra gli “amici degli amici”, a fronte di un graduale tracollo dei nostri servizi, basti pensare che la cifra di spesa pro-capite, per ogni ammalato Covid, si attestava, già nel periodo marzo-aprile 2020, sui 76.308 euro.

Se c’è un senso, in questa sconsiderata gestione dell’emergenza, è sicuramente quello dell’aver anteposto la corsa alla rielezione alla Regione ai nostri interessi collettivi. Una scelta davvero criminale, guardando ai costi umani e ai costi indiretti, in termini economici e sociali, che a distanza di pochi mesi vediamo già concreti sotto ai nostri occhi.

Oggi lo scivolamento verso la necessità del lockdown si fa sempre più concreto, con tutti i correlati negativi che ciò comporterebbe. Ma nostro compito non è quello di tapparsi in casa ad aspettare il peggio, non è limitarsi a piangere su ciò che si poteva e doveva fare in un passato ormai andato, né continuare ad assistere alla farsa orwelliana di un Presidente di Regione che nei suoi soliloqui continua a ripeterci che tutto va bene, che tutto è sotto controllo, che si sta facendo il massimo, mentre la realtà ci dice l’esatto contrario.

Se le tensioni di piazza degli ultimi giorni ci urlano qualcosa di positivo è che si è ormai esaurito il tempo della fiducia a fondo perduto verso questa classe politica inadeguata, incapace, criminale.
L’unico modo di trascinarci fuori da questo incubo è farlo da noi, è organizzare sempre più un fronte coeso e costruttivo di resistenza, un fronte che abbia antenne dritte a captare i bisogni irrisolti nella pancia di ogni nostro quartiere, di ogni nostro territorio, un fronte che studia, che sa ciò che va trasformato, cosa pretendere, cosa gli spetta.

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*