Paolo Malato, RES: “Lo Stato è assente”

res

In questi giorni, le tante rimostranze in diverse piazze d’Italia mettono a nudo un problema endemico della crisi economica che il Covid-19 ha amplificato allargandosi a macchia d’olio.

Tutti i settori sono coinvolti e quando finiranno la cassa integrazione e il blocco dei licenziamento, scoppierà quello del “lavoro normale”. Ciò provocherà forti ripercussioni su tutto il tessuto economico del paese.

Si rischia che pochi supermiliardari schiavizzeranno un mondo e le singole nazioni come  “consumatori obbligati e destinati alla sopravvivenza”.

A Napoli riesplode il caso Whirpool

Di Maio aveva promesso ai 500 dipendenti di non preoccuparsi perché ci avrebbe pensato lui; peccato che l’azienda il 31 ottobre chiuderà i battenti. Ciò alla faccia degli accordi presi a suo tempo per salvaguardare i posti di lavoro e nonostante la multinazionale statunitense abbia ricevuto 100 milioni di euro di aiuti pubblici per continuare a produrre a Napoli. L’ennesima promessa non mantenuta da un promettitore seriale; vi ricordate la promessa dopo il crollo del Ponte Morandi? Giurò che avrebbe tolto le concessioni ad Autostrade, ma… E’ un governo forte con i deboli e debole con i forti. Cosa e chi possono salvare il paese dallo sfacelo e dal clientelismo supino della politica verso le banche ed i poteri forti?


Quante Whirpool chiuderanno in Italia prossimamente e quante si salveranno?

RES ha proposto questa semplice legge: se una azienda, italiana o straniera, vuole chiudere le attività in Italia, a maggior ragione se la società è partecipata all’estero da holding e fondi ed ha ricevuto negli anni, sovvenzioni varie, nel momento in cui chiude deve rendere allo Stato italiano tutto l’importo ricevuto in precedenza. Questo importo può essere trattato con lo Stato come fidejussione o finanziamento per la cessione delle quote societarie ai dipendenti. I veri stakeholder, i quali potranno decidere in base a perizie idonee se convertire parte del loro TFR maturato nei confronti dell’azienda. Da quel momento i dipendenti potranno modificare lo statuto e beneficare di nuovi contributi locali e nazionali per il rilancio, anche con sgravi contributivi.

RES Campania

“Il difficile – afferma Paolo Malato, leader di RES per la Campania e Membro del Direttivo Nazionale – verrà quando le aziende dovranno nominare un CdA e degli amministratori. Bisogna evitare casi come quello della MAFLOW di Trezzano sul Naviglio (azienda operativa nel comparto automotive, la cui proprietà ha chiuso le attività lasciando a casa 200 persone che…con proprie idee e mezzi hanno provato il rilancio con la nuova RIMAFLOW, ma che non hanno avuto dallo Stato e da Regione particolari strumenti protettivi. In questo lo Stato è assente e RES promuoverà in Europa ciò che dall’Italia non viene promosso. Del resto, se la politica italiana è quella che è, possiamo solo che votarci a qualcuno più in alto che ha a cuore la stabilità economica e sociale del paese più dei suoi stessi politici”.

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*