Granato, PaP: “Caro De Luca serve una strategia”

Trapelata solo ieri come notizia, quella della riconversione del San Giovanni Bosco è stata una doccia gelata anche per lavoratori e sindacati. Già da stamattina c’è già grande zelo per svuotare tutto, trasferire i pazienti, predisporre i locali, ripartire alla svelta col nuovo Covid Hospital.
È proprio vero, quando si vuole non si perde tempo, persino nella pachidermica sanità pubblica.
Ma a noi non serve solo fretta, a noi serve pianificazione. Serve una strategia. E lanciarsi alla rincorsa dei contagi rinunciando a contenerli, ha solo il sapore amaro dell’inettitudine e di una resa.
Mi chiedo come staremmo, oggi, se questa stessa operosità fosse stata messa a frutto quando si trattava di riammodernare l’ospedale e renderlo idoneo al pubblico esercizio.
O di fare le assunzioni giuste a contrastare pensionamenti e trasferimenti, senza dover tagliare servizi e reparti, sovraccaricare fino allo stremo il personale.

O per bonificarlo dalla camorra, ma per davvero

O per mettere il Pronto Soccorso in condizioni di funzionare degnamente, come ci si aspetterebbe nel primo mondo.
O ancora di dotare di DPI idonei il personale, in questi mesi, di accogliere le richieste di sicurezza e di maggiore organizzazione del lavoro dei sindacati.
O di predisporre le zone di transito in modo tale da non dover chiudere il Pronto Soccorso ogni due e tre per contaminazioni e contagi evitabili. Di garantire una sorveglianza continua sull’andamento dei contagi fra medici, infermieri, operatori tutti, quando anche ottenere un tampone era una battaglia.
Da oggi abbiamo un ospedale in meno, un Pronto Soccorso in meno, a Napoli.

Possono raccontarcela come vogliono, ma questa è la realtà

Restano l’ospedale di Giugliano per l’area Nord di Napoli, il vecchio Pellegrini al centro del capoluogo, solo l’Ospedale del Mare per la Psichiatria d’emergenza. In quei Pronto Soccorso si dividerà anche il pezzetto d’inferno che toccava al San Giovanni Bosco, 24 ore su 24.
Il Covid non lo si vince se lo si combatte nei soli ospedali. Gli 85 posti letto in più ricavati finiranno di nuovo e finiranno in fretta.
Né è pensabile tagliare ancora cure e diritti a chi dei Pronto Soccorso ha bisogno per altre urgenze, egualmente importanti, egualmente bisognose di cure.
Limitare i contagi sui territori è la nostra unica possibilità di salvezza.
Aumentare i tamponi e renderli gratuiti subito, accorciare i tempi di attesa, attivare il San Gennaro subito per degenze Covid a bassa intensità di cure e per farne un Covid Residence decongestionando gli ospedali di prima linea, imporre il lockdown con le giuste tutele economiche se necessario.
Ma nessuno – nessuno! – ci venga a dire che non c’erano altre soluzioni quando a piangere sui cocci della nostra sanità pubblica saremo solo noi.


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*