Clemente: “Siamo qui pronti a cooperare solo ed esclusivamente nell’interesse di chi oggi soffre”

ferie

Ieri ero a Soccavo per consegnare i doni che i napoletani hanno voluto fare per la nostra iniziativa “Giocattolo Sospeso” ad una delle associazioni del territorio.
Rientrando verso Palazzo San Giacomo ho incrociato un gruppo di commercianti e abitanti della della zona in sit-in. “Tu ci chiudi, tu ci paghi” il loro motto.
Chiedono garanzie economiche per affrontare una situazione difficile, aggravata ancora di più dalle nuove misure di contenimento necessarie per abbassare la curva dei contagi.

Ho deciso di fermarmi per portare la mia solidarietà e la vicinanza dell’Istituzione

In un momento così particolare queste persone non possono essere lasciate sole, hanno bisogno di sentire la vicinanza delle Istituzioni ma soprattutto di ricevere le risposte che meritano.
Come Istituzione più prossima ai cittadini, stiamo mettendo in campo tutte le soluzioni e gli strumenti a nostra disposizione ma dopo anni e anni di tagli che hanno colpito anche i Comuni non riusciamo a soddisfare l’enorme mole di richieste che quotidianamente giungono a palazzo San Giacomo.
Non ascoltare queste persone e le loro grida di disperazione, che in modo pacifico e civile, stanno attraversando la città, sia altrettanto sbagliato ma soprattutto rischioso perché dove non arrivano le Istituzioni arriva il crimine e il malaffare o momenti di violenza, come quelli che abbiamo duramente denunciato.
Noi siamo qui pronti a cooperare solo ed esclusivamente nell’interesse di chi oggi sta maggiormente soffrendo.


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*