Granato, PaP: “Da stanotte non si parla d’altro. Napoli è sulle prime pagine”

napoli

Da stanotte non si parla d’altro. Napoli è sulle prime pagine, in Italia ma anche all’estero.
Scorrono le immagini, si affastellano le parole. Gli scontri si prendono tutta la scena.
“Azioni criminali preordinate” allerta il vice-ministro Mauri. Camorra. Ultras. Gira il tweet di Fiore di Forza Nuova, che cerca di appropriarsi della protesta senza avere mezzo militante qui a Napoli (e molti gli danno stupidamente credito). Commercianti, grandi e piccoli. Partite IVA. Lavoratori autonomi. Lavoratori informali, a nero e a grigio. Attivisti di battaglie sociali e politiche.
C’era chi gridava “Libertà, libertà”, richiamando i toni di quelli che temono la “dittatura sanitaria”; c’era chi vuole tutelare l’incasso di migliaia e migliaia di euro a sera del proprio locale, magari sostenendo che loro in piazza sono scesi per difendere i dipendenti, perché “diamo da mangiare a 200 famiglie” (spessissimo a nero o con contratti falsi); e c’era anche chi sosteneva che se il lockdown si è reso indispensabile per fermare la curva dei contagi e tutelare la salute, altrettanto indispensabile è mettere in campo immediatamente misure sociali.

Divisione sui social

Sui social ci si divide tra chi definisce i manifestanti “bestie, animali, tribù” e chi li considera avanguardia di una rivolta da estendere. Giudicare prima di capire serve a poco.
Passerà presto anche quest’onda emotiva relativa ai fatti di stanotte. Ma i problemi di tutti i giorni rimarranno. È a questi che dobbiamo rispondere. Eliminando la cortina fumogena delle forme e concentrandoci sulla sostanza.
Serve reagire nel tempo breve.
Va data risposta al piccolo commerciante senza nemmeno dipendenti che non riesce a reggere a un’altra chiusura, alle partite IVA: che a entrate zero corrispondano anche zero spese (affitto, utenze, per dirne due).
Ai lavoratori dipendenti che in tutta Italia ancora aspettano il pagamento della Cassa Integrazione per Covid, in alcuni – inaccettabili – casi addirittura da marzo-aprile: ammortizzatori subito e prosecuzione del blocco dei licenziamenti.
Ai lavoratori informali, quelli a nero magari dipendenti degli stessi soggetti che erano in strada stanotte, che sono fuori da tutti gli ammortizzatori sociali e che se non “scendono” a lavorare non mangiano: meccanismi di emersione del nero e garanzia di reddito.

Vanno date risposte

Va data risposta urgente anche sul fronte sanitario: scorrimento immediato delle graduatorie degli OSS, assunzioni di medici e personale sanitario, riapertura delle strutture chiuse e agibili in tempi brevi, attivazione al massimo livello dei laboratori pubblici per l’analisi dei tamponi e un calmiere sui prezzi del privato.
Ma serve anche programmare il tempo lungo. E su questo De Luca e tutta la classe dirigente hanno fallito completamente. Sanità, trasporti, scuola. Serve pianificazione.
E controlli. A partire dai posti di lavoro, dimenticati dalla narrazione della stampa e purtroppo anche dall’Ispettorato del Lavoro.
Noi ci siamo. C’è qualcuno che vuole costruire con noi? A partire da subito, perché l’urgenza è sotto gli occhi di tutti.
P.S.: La foto è di Giuliana Florio


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*