Clemente: “La comunicazione istituzionale è una cosa seria”

clemente

Quello che abbiamo vissuto stanotte palesa una cosa che a noi è chiara da tempo e che abbiamo ripetuto fino alla nausea: la comunicazione istituzionale è una cosa seria, se richiedi alla popolazione un sacrifico così grande devi contemporaneamente mettere in campo sostegni economici concreti e comunicarli.

Se non sei responsabile crei smarrimento, paura e lo smarrimento e la paura si possono trasformare in rabbia

La rabbia non la controlla nessuno. L’abbiamo visto in America come in Francia. Provo dolore e denuncio duramente i responsabili dell’attacco alle auto della polizia municipale, a cui va la mia incondizionata solidarietà, oltre che stima ai singoli agenti per la gestione del momento, e alle tante, la stragrande maggioranza di persone pacifiche presenti. Così come le violenze alle altre forze di polizia e agli operatori dell’informazione.

Alla città

Questo è esattamente il contrario di ciò che serve in questo momento. In queste ore ci sono persone che vivono con la paura di perdere tutto e di non poter dar da mangiare ai propri figli. A loro, ai tanti disoccupati, lavoratori, commercianti, precari e a tutte le donne e gli uomini in difficoltà, sono e saranno tesi i nostri sforzi amministrativi e le battaglie politiche dei prossimi giorni. Oggi pomeriggio in Prefettura al Tavolo per l’ordine e la sicurezza pubblica pretenderemo un’azione istituzionale sinergica e delle azioni concrete da parte delle emanazioni dello stato che hanno il portafoglio e gli strumenti per intervenire.


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*