Clemente: “Il distanziamento sociale non è la distanza sociale”

mare

Lo scorso week end ho partecipato alla manifestazione “#UNCALCIOALCOVID a difesa dei bambini”, patrocinata dal Comune di Napoli
e organizzata dall’ ASD BOYS ARENA, associazione attiva nella promozione dello sport per bambine e bambini nel quartiere Stella-San Carlo.
Una premessa, perché le parole sono importanti: quella che stiamo faticosamente cercando di mantenere non è la distanza sociale, ma il distanziamento.
Convenzionalmente viene chiamato distanziamento sociale, l’insieme di regole che possono aiutare nel contrasto alla diffusione di malattie contagiose.
Tra queste c’è la distanza che le persone devono mantenere, che non è la distanza sociale, perché con quest’ultima in sociologia si intende la distanza percepita da un individuo o da un gruppo rispetto ad un altro.

Speranza per l’umanità

A Napoli non esiste distanza sociale e per questo che, forse, il grande De Crescenzo la definiva l’unica grande speranza per l’umanità.
Gli ultimi mesi, per ovvie e tristi ragioni, hanno portato ad una diminuzione dei contatti sociali. I bambini, interrompendo e riprendendo la scuola con regole tutte nuove, hanno dovuto modificare le proprie abitudini, riducendo i contatti e le interazioni al minimo.
Ma Napoli è la città che ha inventato la spesa e il giocattolo sospesi ed il Paniere solidale; la città dove, per aiutare quelli che risultavano esclusi dalla DAD (didattica a distanza), il maestro Tonino Stornaiulo ha inventato la DAB (didattica al balcone).
A Napoli ci siamo sentiti più vicini quando il covid ci ha allontanato. In fondo è quello che faticosamente cerchiamo di fare noi come Comune, che non ci accontentiamo solo di distanziare le persone, ma cerchiamo soluzioni per riempirlo quello spazio, nel rispetto delle regole e con un po’ di sana “napoletanità”.
Poiché ritengo l’importanza della reciprocità fondamentale, sono stata felicissima di prender parte insieme ai bambini iscritti alle società sportiva Asd Olimpia Trotta, al torneo organizzato nel pieno rispetto dei protocolli FIGC Settore Giovanile e Scolastico.
Con me erano presenti, tra gli altri, Mister Gigi De Canio e l’organizzatore Stefano Cittadini cui vanno i miei complimenti per la splendida mattina.
Ai bambini voglio dire che questo periodo è transitorio e che presto ci ritroveremo ad abbracciarci, imparare e giocare di nuovo tutti insieme in libertà e in sicurezza.


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*