Clemente: “Erano giovani e pieni di vita…”

clemente

Il quindici ottobre di cento anni fa nasceva Salvo Rosario Antonio D’Acquisto, il giovane vicebigradiere dei carabinieri trucidato dai nazisti. Lo stesso giorno, otto anni fa, moriva Pasquale Romano detto Lino, un ragazzo di trent’anni ucciso dalla camorra per un errore di persona.
Che cosa hanno in comune queste due giovani vittime? Innanzitutto erano giovani e pieni di vita. Entrambi sono stati crivellati di colpi, quattordici quelli che hanno colpito Lino. Entrambi sono stati uccisi da un invasore, i tedeschi Salvo, la camorra Lino.
Salvo si sacrificò per la sua gente, prendendosi la colpa di un attentato che in realtà non c’era neanche stato (i nazisti morti si erano fatti esplodere praticamente da soli, maneggiando degli ordigni per la pesca). Sussurrò nell’orecchio dei nazisti delle parole che non conosciamo, permettendo a ventidue persone di salvarsi e restando da solo a morire. Dimostrò tutto il suo coraggio in quel frangente e diede l’esempio massimo a chiunque scelga di diventare carabiniere.

Ho scelto di accompagnare questo post con una foto per me molto significativa

Non sappiamo cosa ha sussurrato il carabiniere in foto alla mamma di Lino nel giorno dell’anniversario della morte del figlio di qualche anno fa, così come non sappiamo cosa sussurrò Salvo D’Acquisto al nazista che di lì a poco lo fece uccidere.
Di certo c’è che in questa foto è possibile vedere la carezza dello Stato ai più deboli che ne dimostra la vera forza.
La città di Napoli non può e non deve dimenticare. Ma soprattutto deve lavorare duramente per una nuova liberazione. È arrivato il momento di liberarci di un altro invasore, della camorra. Magari ci vorranno più di quattro giornate, ma noi ci crediamo e non smetteremo mai di credere in quella che è per me una certezza. Siamo ottimisti, perché sappiamo che chi ha ereditato la passione e l’eroica tensione di Salvo D’Acquisto sarà accanto a noi in questa nuova battaglia.
Oggi, come ogni anno, il Comune di Napoli deporrà dei fiori in memoria di Lino nel cimitero di Cardito. Come ogni anno siamo vicini alla famiglia, al padre Giuseppe e alla fidanzata Rosanna ed il mio pensiero va alla loro forza e al loro coraggio, alla loro umanità e umiltà. Affinché si rinfreschi ogni anno quella carezza sul viso che la magnifica fotografia di una terribile storia riporta. Una foto che mostra un carabiniere tenere il volto di una donna tra le mani e sussurrarle qualcosa. Magari ribadirle che non sarà mai sola. Un carabiniere, come Salvo D’Acquisto, nato cento anni fa, ucciso dai nazisti, ma mai morto per davvero.


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*