Clemente: “Giù le mani dalla Masseria Antonio Esposito Ferraioli”

alessandra clemente

Giù le mani dalla Masseria “Antonio Esposito Ferraioli”.
Il bene confiscato più grande dell’area metropolitana di Napoli, circa 120mila metri quadri sottratti vent’anni fa ai clan e che da tre anni è diventato un presidio di legalità grazie a un importante percorso di riuso sociale, ha subito l’ennesimo episodio di minacce e intimidazioni.

Libera Campania

Sono stata li ieri per partecipare alla manifestazione di solidarietà, assieme a Libera Campania e ai rappresentanti del Consorzio terzo settore, della Cgil di Napoli, della Cooperativa Radio Giancarlo Siani della Cooperativa l’Uomo e il Legno, dell’Associazione di Volontariato Sott’ e’ ncoppa, il presidente della Commissione Antimafia Nicola Morra che ha voluto rivolgere la propria attenzione e dell’intera Commissione alla vicenda.
Durante l’iniziativa è stata illustrata l’interrogazione parlamentare indirizzata al Ministro dell’Interno Luciana Lamorgese sui gravi atti intimidatori e ritorsivi.


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*