Clemente: “Il mare, grande Capitale Naturale del nostro territorio”

mare

Lo scorso sabato ho partecipato presso la Stazione Marittima ad un’importante giornata di lavoro dedicata al “mare” come grande “Capitale Naturale” del nostro territorio.
Ho coordinato la sessione dedicata al tema Sturt up ed Innovazione. Vi condivido le mie riflessioni.
Il mare è una delle porte di Napoli sul mondo. Lo sviluppo economico della città passa per questa “porta”, pista di decollo naturale per l’economia della nostra area metropolitana. Il mare rimane risorsa, in modo imprescindibile, solo se viene rispettato e tutelato. La non tutela dell’ambiente marino ne significherebbe dopo poco la scomparsa. Da qui, lo sviluppo economico del mare è tutela del mare, l’interesse è bivalente, è necessario, efficiente, efficace. Ecco perché Napoli ed i propri agenti economici, istituzionali e sociali devono far proprio il concetto di Blue Economy, nell’accezione che l’economista belga Gunter Pauli nel 2010 ha mirabilmente declinato: intraprendere uno sviluppo sostenibile dell’economia legata al mare. E’ interesse di Napoli sviluppare la Blue Economy, un’economia che si declini quindi come turismo da diporto, pescaturismo, ma anche pesca, acquacoltura e mitilicoltura. Blue Economy è cantieristica, accessori della nautica, motori, il settore crocieristico, il trasporto di merci. Napoli già fa tanto grazie ai propri cantieri, siamo del resto la città del Nauticsud
che rappresenta e, COVID permettendo, rappresenterà sempre più una splendida realtà fieristica per i nostri cantieri.
In un recente report di Assoporti, nel 2019, l’area portuale del Mar Tirreno Centrale di cui Napoli fa parte con Salerno e Castellammare di Stabia è la seconda in Italia per flusso di passeggeri locali+traghetti+crociere con oltre 9 mln di transiti.

E’ un numero enorme

Nel settore delle sole crociere c’è Napoli dopo Civitavecchia per numero di transiti con oltre 1.3 mln di passeggeri. Un valore importante, ma possiamo fare di più di concerto con i grandi operatori turistici quando questa maledetta pandemia ci farà ripartire.
Le istituzioni devono creare le condizioni per lo sviluppo di questi settori così come debbono adoperarsi per la tutela dell’ambiente mare. Valorizzare il patrimonio della filiera produttiva legata al mare, che comprende enti di ricerca, studi professionali, grandi imprese, pmi e startup è oltremodo necessario.
Un grande impulso su entrambi i fronti può venire anche dal fronte delle nuove imprese altamente tecnologiche, le start-up.
Le start-up. Siamo “quasi” sul podio, ma possiamo e dobbiamo fare di più. Secondo i dati MISE del primo trimestre 2020, la Campania è davanti al Veneto ed al Piemonte per numero di start-up innovative dopo Lombardia, Lazio ed Emilia Romagna. Siamo di gran lunga la prima regione del Mezzogiorno.

Fare di più

Dobbiamo e possiamo fare di più su questo fronte in termini di servizi, accesso al credito, networking con gli investitori, con i centri di innovazione per rinforzare l’Open Innovation di cui tanto beneficiano le nuove imprese tecnologiche/start-up. Le start-up devono far leva sulle opportunità legate al monitoraggio ambientale, le tecnologie al servizio dei terminal, il tracciamento delle merci, la logistica documentale, le opportunità dirette ed indirette derivanti dai flussi turistici, il tema dell’energia dalle onde del mare, la sicurezza. Il tutto attraverso l’intelligenza artificiale, le tecnologie legate ai materiali, l’utilizzo dei big data.
Ringrazio gli organizzatori per avermi dato l’opportunità di condividere idee e visione su un tema così importante quanto necessario e mi complimento per l’importante giornata promossa che ha visto alla presenza del Presidente della Camera Roberto Fico
, del Sindaco Luigi de Magistris
e della collega con delega al mare Francesca Menna
il “Capitale Naturale” mare, protagonista.
Foto Antonio Di Laurenzio


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*