Granato, PaP: “Le parole a capocchia di De Luca”

de luca

Ascolto i 50 minuti e passa di diretta del Presidente della Campania. Lo vedo nervoso, ben più del solito. Mi chiedo come sia possibile: la realtà che ci racconta dovrebbe indurci solo a sospiri di sollievo.
Nel mondo di De Luca, infatti, i tamponi domiciliari arrivano entro 48 ore massimo, le file dinanzi all’ASL NA1 spariscono magicamente alle 11 del mattino e se non ci arriva l’esito è perché non siamo stati capaci di scrivere il nostro numero di telefono sul modulo! Ancora: i termoscanner sono praticamente in tutte le scuole.
Tutto andrebbe per il meglio nel favoloso mondo di De Luca se non fosse per noi. Forse è per questo che oggi è corrucciato e nervoso. Maledetti noi, che ci affolliamo sugli autobus e nei treni, sulle banchine in attesa, nelle aule pollaio delle scuole, gomito a gomito sui nastri di qualche azienda.

Maledetti noi!

Ma com’è possibile che a marzo e aprile era tutto merito di De Luca e oggi invece è tutta colpa nostra? Com’è che i Covid Hospital di Salerno e Caserta sono ancora chiusi perché mancano i collaudi (dopo 6 mesi!!!)? Com’è che mancano 300 medici di base? Com’è che non si fa nulla per far arrivare “tamponi rapidi”, come invece sta facendo l’Emilia Romagna? Com’è che non si è proceduto allo scorrimento delle graduatorie degli OSS e alla stabilizzazione di quelli già al lavoro? Com’è che ci si accorge solo ora che siamo ultimi in Italia per numeri del personale sanitario quando proprio De Luca, in continuità con Caldoro, è stato responsabile dei tagli e dello sfascio?
Com’è che la Regione non ha fatto nulla in 7 mesi?
La verità è che l’unica cosa “a capocchia” sono le parole di De Luca.


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*