Granato, PaP: “Una volta il Movimento Cinque Stelle avrebbe attaccato duramente…”

campania

Si sarebbe dovuto tenere oggi, ma il Consiglio Regionale della Campania slitta di una settimana, almeno. Perché c’è la guerra di tutti contro tutti. Combattuta per interessi esclusivamente personali, per la più classica delle poltrone: chi vuole la Presidenza del Consiglio Regionale, chi quella di una Commissione, chi – ancora – esser nominato Capogruppo del proprio gruppo consiliare. Guerra tra le liste che hanno sostenuto De Luca, ma anche all’interno delle stesse, Tizio contro Caio, con Sempronio pronto a inserirsi.

Praticamente non c’è eccezione

Una volta il Movimento Cinque Stelle avrebbe attaccato duramente. Avrebbe posto la questione morale. Avrebbe forse ricordato che dalla stessa radice della parola “politica” – politikḗ (“che attiene alla pόlis”, la città-stato) – deriva “cittadino”. E che invece oggi la politica è senza e addirittura contro i cittadini. Una volta… Oggi sono anche loro in corsa per una vice-presidenza del Consiglio, per qualche poltrona. E la ex candidata alla Presidenza della Regione, Valeria Ciarambino, ha già più volte ribadito che per i prossimi anni il M5S è più che disponibile a essere “responsabile”, che tradotto significa opposizione blanda e di facciata. Sul prossimo sindaco di Napoli ha già detto che va benissimo l’alleanza col PD, per dire…
All’interno del Consiglio Regionale non è nemmeno guerra tra bande, ma vera e propria lotta tra signorotti del XXI alla ricerca di un proprio feudo. Mancano i matrimoni d’interesse, gli intrighi alla Game of Thrones, ma i prossimi mesi possono regalarci “belle” sorprese…


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*