Clemente: “Incontrato i giovani del Progetto Na.Gio.Ja”

giovani

Questa mattina, nella Sala dei Baroni del Maschio Angioino, osservando il rispetto nelle norme anti-covid, ho incontrato alcuni tra i giovani che hanno completato con successo i percorsi di formazione online che abbiamo tanto voluto e attivato durante il lokcdown, poi svolti nei mesi di giugno e luglio, nell’ambito del Progetto Na.Gio.Ja – Costruiamo opportunità coordinato dal Comune di Napoli e finanziato dal programma “Benessere Giovani”.
Tre i percorsi di formazione, coordinati da Cosvitec Università & Impresa, nelle professioni del Web: Social media manager, Quality manager ed Esperto web marketing, per un totale di 240 ore di formazione.
Inizialmente la misura prevedeva un percorso di formazione per 75 giovani in presenza, tra ragazze e ragazzi non impegnati in percorsi di studio e di formazione. Poi tutto è cambiato, il Covid-19 e il lockdown hanno scandito le ore ed i minuti delle nostre giornate.

Lavoro precario

Tanti hanno visto interrotto un percorso lavorativo, anche precario, che li vedeva impegnati, altri hanno sospeso i progetti all’università. Abbiamo immaginato che questo tempo “sospeso” potesse essere tempo non “perso” ma trasformarsi in occasione di formazione e crescita.
Così abbiamo lavorato per trasformare il corso di formazione in modalità “da remoto” e aperto a tutti coloro i quali, avendone i requisiti, avessero raccolto il nostro messaggio.
Siamo riusciti così, con un grande lavoro di coordinamento e la grande disponibilità del nostro partner di formazione, a rispondere e coinvolgerne oltre 1000 ragazzi in modalità on-line, provenienti da tutta l’area metropolitana di età compresa tra i 16 e i 35 anni che hanno fatto domanda di partecipazione.

Opportunità concreta

Una concreta opportunità di formazione che siamo riusciti a offrire ad un grand numero di giovani.
Poter incontrare alcuni di loro è stata l’occasione per approfondire insieme le reali esigenze di formazione e verificare l’impatto che questa attività ha avuto concretamente nelle loro vite in un periodo che ha chiesto enormi sacrifici, soprattutto ai giovani e nel momento più delicato della propria vita, ovvero quando si progetta il futuro ed il terreno sotto i piedi non sempre e difficilmente è stabile.
Un’esperienza che arriva a termine delle molteplici attività implementate con il progetto Na.Gio.Ja_Costruiamo Opportunità, per il Centro Giovanile di Rione Traiano che ha dimostrato la sua forza anche durante un periodo di chiusura e di estrema incertezza: più di 2000 giovani coinvolti in tutto e nessuna interruzione durante i periodi di restrizione.


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*