Napoli, il punto sulla riqualificazione del Parco del Poggio

Le commissioni Giovani e Ambiente, presiedute da Laura Bismuto e Marco Gaudini, hanno oggi fatto il punto sul progetto di riqualificazione del Parco del Poggio, ai Colli Aminei. Sono intervenuti l’assessore al Verde Luigi Felaco e la dirigente del Servizio Verde della città Teresa Bastia.

Una riunione congiunta delle commissioni Giovani e Ambiente per conoscere i progetti per la riqualificazione del Parco del Poggio, in particolare quelli per lo specchio d’acqua che si trova al suo interno e per due locali che potrebbero ospitare servizi di somministrazione di cibi e bevande; un punto, quest’ultimo, sul quale avviare quanto prima un confronto con l’Amministrazione per individuare i passaggi burocratici necessari.

Proprio il progetto per la riqualificazione del laghetto, hanno introdotto i presidenti Laura Bismuto e Marco Gaudini, desta qualche preoccupazione per gli oneri di manutenzione; per tale motivo hanno chiesto di valutare eventuali modifiche alla destinazione d’uso dell’area.

Riqualificazione e potenziamento dell’area giochi

Nuova area per lo sgambamento dei cani; nuova area ludico-sportiva; ripristino dell’impianto di scarico dello specchio d’acqua; sostituzione delle pavimentazioni; revisione, sostituzione e adeguamento alla normativa vigente delle ringhiere e dei muretti; ripristino di cancelli e recinzioni; riqualificazione delle aree a verde; ripristino dell’impianto elettrico e dell’impianto di illuminazione; revisione dell’arredo urbano (fontanelle, rastrelliere per biciclette, tavoli, sedute); apposizione di cartellonistica informativa. Sono queste le principali linee di intervento previste dal progetto di riqualificazione funzionale del Parco, illustrate dall’assessore Luigi Felaco. Un progetto del valore di 528mila euro, finanziato dal Piano Strategico della Città Metropolitana, che rappresenta un’occasione unica di recupero dell’area e sul quale sarà giusto anche promuovere incontri sul territorio per un confronto con i cittadini.


È stato pubblicato il bando per la progettazione esecutiva dell’opera, ha spiegato la dirigente del Servizio Verde della città Teresa Bastia, che ha anche risposto a una serie di chiarimenti richiesti dai consiglieri intervenuti.

Al consigliere Stefano Buono (Verdi), che è intervenuto sugli oneri di manutenzione del laghetto, Bastia ha risposto che nel bando la manutenzione non è prevista, ma che è stato chiesto al progettista di individuare soluzioni alternative. Il cambio di destinazione d’uso dello specchio d’acqua, ha precisato la dirigente, non è una soluzione praticabile in una fase nella quale si sta già procedendo alla progettazione esecutiva.

Rosario Andreozzi (DemA) ha ricevuto rassicurazioni sulla rifunzionalizzazione dell’area del Belvedere, situata all’interno del Parco, e ha ribadito la necessità di confrontarsi quanto prima con gli uffici competenti e con l’assessorato per definire la questione delle attività di somministrazione nei parchi cittadini. Necessario, ha concluso, coinvolgere anche i consiglieri municipali nelle fasi successive della progettazione.

Domenico Palmieri (Napoli Popolare) ha evidenziato l’opportunità di non farsi illusioni sui tempi di completamento dell’opera né sulla possibilità di intervenire sulla progettazione in questa fase; dalla dirigente Bastia ha ottenuto inoltre la disponibilità a ricevere le schede tecniche degli interventi previsti nel Parco e ottenuto rassicurazioni che la cifra stanziata per i lavori sia già nella disponibilità del Comune.

Il presidente Gaudini ha chiesto all’assessore Felaco e alla dirigente Bastia il massimo impegno per definire rapidamente tutte le procedure per la riqualificazione del Parco del Poggio e di tutti gli altri parchi cittadini.

La commissione, ha concluso la presidente Bismuto, tornerà a riunirsi tra una decina di giorni per nuovi approfondimenti sui lavori, che devono necessariamente partire entro la fine della consiliatura. Occorre inoltre lavorare al bando per l’assegnazione dell’area ristoro e, non appena affidata la progettazione, avviare uno spazio d’ascolto con il territorio per tradurre i bisogni dei cittadini in risposte progettuali.

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*