Granato, PaP: “Morcone e il suo conflitto di interessi”

mugnano

Mario Morcone è il nuovo assessore alle Politiche della sicurezza in Campania.
Molti lo ricorderanno come ex Prefetto o come il candidato che il PD scelse nel 2011 per raccogliere l’eredità di Rosa Russo Iervolino e che fu sbaragliato da Luigi De Magistris.
Pochi, però, sanno che all’inizio di quest’anno è stato nominato presidente della Greenenergy Holding SPA, una società interessata – tra gli altri progetti – alla costruzione di un ‘biodigestore’-inceneritore a Ponte Valentino, Benevento, dal valore di 45 milioni di euro. Il che pone un chiarissimo problema di conflitto di interessi.
Stamattina apprendo che Morcone ha annunciato le proprie dimissioni dalla Greenergy, volendo così mettere a tacere le polemiche. Il problema di fondo, però, rimane. È il problema delle “porte girevoli”, il movimento continuo delle stesse persone tra attività politiche e attività industriali/economiche. Senza regole certe, clientelismo e conflitto di interessi non spariranno semplicemente perché Morcone ha deciso di dimettersi il giorno dopo la nomina ad assessore.
Bisogna innanzitutto fare in modo che ci sia un periodo minimo di tempo in cui questi “passaggi” non siano consentiti. Ne va della democrazia e del primato dell’interesse pubblico, cioè di tutte e tutti, su quello privato, di pochi ricchi e potenti.


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*