Paolo Malato, RES: “Nella politica napoletana occorrono i campioni”

res

Le votazioni relative al Referendum per la diminuzione dei Parlamentari e le elezioni regionali e Comunali si sono appena concluse che già si profila per Napoli la tornata primaverile per il Comune.

L’uscente Sindaco Luigi De Magistris pare voglia lanciare un proprio assessore, mentre gli altri partiti si muovono con i soliti sbandierati programmi infarciti di promesse.

Abbiamo, così, sondato i napoletani nel porre loro alcune domande:

Quali sono le priorità per Napoli, in considerazione dei quanto è accaduto in questi ultimi mesi e ciò che potrebbe accadere in futuro?


Come vedete gli schieramenti ossia come pensate che i contendenti si presenteranno in termini di programmi e credibilità?

Chi potrebbe incarnare la capacità di annunciare e raggiungere i propri programmi?

Per quanto attiene alle priorità esse paiono

1)    Il lavoro e la sua dignità.

2)    La sicurezza e lo viluppo delle infrastrutture, in particolare dei trasporti.

3)    La sanità, intesa come facilità di acceso ai servizi di base.

4)    La gestione dei rifiuti.

5)    Un sistema economico locale meno improntato alla “baronia”.

Per quanto riguarda il lavoro, a parte ciò che potrebbero imporre lo Stato e i programmi Europei (Next Generation, MES, Recovery Fund), la Regione dovrebbe incentivare lo sviluppo sia di alcune linee coerenti con il Piano UE (green economy e sostenibilità, digitalizzazione, lavori pubblici, sostegno alle imprese e al terzo settore per il rilancio dell’occupazione).

In termini di sicurezza sarà necessario diminuire gli indici della criminalità, segmentando nuovamente i punti a rischio e impostare i piani  e le risorse umane ed economiche per abbattere l’incidenza della malavita.

La Sanità deve prevedere, in linea con i piani nazionali, un riequilibrio tra quella pubblica e quella privata, con un forte accrescimento di risorse umane e infrastrutture e più severi modelli di selezione, qualifica e inserimenti.

La gestione dei rifiuti andrà revisionata totalmente, facilitando gli accessi degli smaltimento urbani ed industriali e diminuendo i costi totali della filiera con un maggiore controllo delle strutture partner atte al processo di riciclo in un’ottica di circolarità.

Il sistema economico dovrà aumentare la competizione e facilitare le imprese sane e responsabili, con un criterio di assegnazione dei fondi in base alla meritocrazia della capacità di fare sviluppo e perseguire l’economia circolare.

Si paga tutti ma si paga di meno

La fiscalità di Napoli è una costa tropicale dopo uno tsunami e va rivista e riprogettata ex novo, ovviamente in linea con i parametri nazionali. La fiscalità è per Napoli e per la Campania uno dei punti modali per affrancare la Regione nel piano di federalizzazione territoriale, approvato poco tempo  fa.

Tra le tante altre cose la mobilità pubblica e verde rispetto a quella privata e un piano logistico e di viabilità migliore.

L’accoglienza di scuole anche in termini di infrastrutture (palestre, laboratori) e le novità imposte dal Covid-19.

Basta con l’assistenzialismo, basta sostenere i non meritevoli, basta lamentarsi del disavanzo tra ricchi e poveri e lo sfruttamento.

Tra i leader già certi tra i movimenti, abbiamo ascoltato l’ing  Paolo Malato di RES ( www.terzares.org ) che in merito ha idee molto chiare.

“Rilanciare Napoli è un progetto che non si può risolvere in pochi anni. C’è bisogno di molto denaro, di tanta collaborazione tra cittadini e istituzioni e soprattutto bisogna cambiare la squadra per dare discontinuità. E’ un po’ come nel calcio, parafrasandolo. Se il Napoli oggi è una squadra da Europa League, per giocare tra le migliori della Champions League, bisogna che pianifichi e si attrezzi adeguatamente con acquisti dei giocatori, un allenatore idoneo ad utilizzare di volta in volta  le risorse che gli vengono affidate, e una società forte e quadrata. Oggi Napoli intesa come comune non agisce così”.

In ogni squadra vincente, al di là di una base forte, ci vogliano i campioni

“Giusto! I Campioni sono quelli che trascinano gli altri e si distinguono per la professionalità, la capacità, la trasparenza e la costanza. Qualità che RES ha per guidare la rinascita della Campania e di Napoli e riportarla agli antichi fasti, quella di nobile ed innovativa città europea”.

res

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*