Granato, PaP: “La cultura in Campania non esiste?”

campania

A gennaio 2019 la decisione del presidente brasiliano Bolsonaro di abolire il Ministero della Cultura, che era stato di Gilberto Gil, suscitò anche nel nostro Paese un’ondata di indignazione. Oggi che è De Luca, per il suo secondo mandato, a non far nascere un assessorato al ramo, c’è solo silenzio. Ed è davvero assordante.
Perché il silenzio? Perché non scatta l’indignazione? Eppure la Campania è ricchissima di storia e di espressioni artistiche e culturali, vecchie e nuove, da fare invidia a chiunque. Certo, la cultura è materia concorrente tra Stato e Regioni, la Campania non è il Brasile; eppure a me pare ci sia qualcosa di più profondo.
Dobbiamo riconoscere che abbiamo una classe dirigente che non sa guardare al di là del proprio naso, per la quale cultura o è sinonimo di business o non è. Una classe dirigente incapace, che si riempie sempre la bocca del termine “cultura”, ma solo perché crede che potrà aprire le porte per macinare profitti (magari senza fatturare).
Così stamattina leggo della storiaccia che tocca Alessandro Di Rienzo e Francesco Wurzburger, due dipendenti di quella che doveva essere una nuova fucina culturale nel cuore di Napoli, “The Spark Creative Hub”. Storia di promesse disattese, di lavoro gratuito e poi del benservito, cioè del licenziamento. Ma, anche, storia di un progetto che doveva essere culturale e che si è rivelato mera attività commerciale.
Quando con Gennaro Tesone lanciammo, in piena campagna elettorale, un momento di riflessione sul tema delle politiche culturali e del futuro che vogliamo costruire, mostravamo una strada diversa. La stessa che negli ultimi mesi indicano i lavoratori e le lavoratrici del settore, che non si accontentano di rivendicare diritti e salario, ma che provano a disegnare traiettorie per una possibile politica culturale nella nostra regione. Una via che né De Luca né gran parte della classe imprenditoriale e dirigente di questa regione vogliono evidentemente seguire. Per loro cultura equivale a un nuovo modo per far fare soldi ai pochi vecchi attori di sempre.
La Campania ha tutte le carte in regola per essere laboratorio creativo e culturale. Solo che serve formare una nuova classe dirigente. Perché quella che abbiamo è buona solo ad ammazzare sogni e progetti.


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*