Granato, Pap: “Con De Luca davvero siamo in mani sicure?”

sara tesoriero

Siamo la seconda regione in Italia per numero di ricoverati per Covid, abbiamo scavalcato persino la Lombardia.
Sapete come è stato possibile tutto questo?
Innanzitutto la gestione dell’emergenza: senza tamponi a sufficienza, senza prevenzione, senza le USCA e un’assistenza domiciliare decenti non c’è nessun modo di invertire questo trend terribile e rischioso.
In questi mesi De Luca non ha fatto nulla, nulla, se non sprecare denaro pubblico per Covid Hospital ancora chiusi e convenzioni con gli amici dei laboratori e delle cliniche private.
Tutto ciò che non c’era a marzo, nel servizio pubblico, continua a non esserci nemmeno oggi.

Come possiamo pensare di vivere in sicurezza nei prossimi mesi?

Esiste una responsabilità ben più grave però, è lo stato pietoso dei nostri servizi sanitari.
De Luca ci racconta di averci tirato fuori dal commissariamento, non ci dice, però, qual è stato il prezzo, quanto ha demolito, del nostro servizio pubblico, negli scorsi 5 anni.
Interi ospedali e reparti chiusi, più della metà di quelli “superstiti” così fatiscenti da non avere l’autorizzazione all’esercizio.
Ma è ancora più a monte che ha fatto letteralmente terra bruciata.
Servizi territoriali ridotti all’osso, un personale sanitario anziano e sovraccarico, la precarietà lavorativa che dilaga, i medici di famiglia che non contano più il numero dei loro pazienti.

Non è normalità aspettare giorni per un ricovero, sulla barella di un Pronto Soccorso

Non è normalità avere guardie mediche che non servono a nulla, ambulatori specialistici che ci danno appuntamento dopo mesi e mesi.
Non è normale dover pagare di tasca propria analisi, radiografie e TAC tutte le volte in cui si superano i tetti di spesa delle convenzioni, non è normale che il nostro medico di famiglia non possa venire a visitarci a casa, non è normale che siano le nostre famiglie a prendersi cura di noi quando stiamo male.
Dobbiamo ricostruire una sanità regionale che sia all’altezza dei nostri bisogni e di ciò che meritiamo.
Mettiamoci alle spalle tutte le mummie mediocri che hanno portato a picco la nostra Campania.
Il 20 e 21 settembre portiamo il futuro a Santa Lucia!


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*