Il risveglio di partenope, la campionessa napoletana presenta il suo libro e sostiene l’AIDO

Il risveglio partenope

Venerdì 11 Settembre 2020, Mariafelicia Carraturo ha presentato il suo libro “Il risveglio di Partenope” ad Avella, presso l’azienda agricola Il Moera. Una serata all’insegna della solidarietà e dell’altruismo, che ha fatto da apripista alla serie di eventi culturali firmati A.I.D.O in programma per la prossima stagione.

L’evento, a scopo benefico, è stato fortemente voluto dal Presidente del gruppo comunale A.I.D.O. Nola – Cimitile, Felice Peluso, il quale nel corso della serata si è dichiarato “contento e grato” di quanto la vita lo abbia costretto ad affrontare perché altrimenti, con molte probabilità, non avrebbe mai conosciuto il mondo di cui ora è parte integrante e attiva. Egli con la sua storia ci mostra come a volte basti un po’ di coraggio per trovare un’opportunità nella sofferenza e dei colori dove altri vedrebbero solo buio.

L’AUTRICE

L’autrice nel suo libro ripercorre alcuni tratti della propria vita ed esorta al cambiamento, considerandolo “difficile ed unica via per l’evoluzione personale di ognuno di noi”. Cambiamento subito in prima persona, così come dimostra il suo percorso, inizialmente ordinario e in linea con le convenzioni sociali: gli studi, la laurea, l’abilitazione alla professione di Dottore Commercialista, il lavoro, il matrimonio e i figli.

Il classico iter che consente di definirti una donna realizzata agli occhi degli altri. Ma Mariafelicia non ci sta e a un certo punto decide di allontanarsi dalla “ricerca spasmodica di un qualcosa che non piace a me, ma che piace ad un altro” e di superare quei limiti che sono solo dentro di noi. Così, con non pochi sacrifici e tra il vociare di molti, che non comprendono le sue insolite scelte, diventa la donna italiana più adulta ad avere mai omologato un primato del mondo.


Il 25 Agosto 2018, infatti, a quasi 48 anni, diventa primatista del mondo di apnea in Assetto Variabile con la monopinna, con -115 metri in 3’04” e quasi 13 atmosfere di pressione. A poco a poco la sua storia si diffonde e diventa un esempio per tutti, tanto da essere chiamata ad impersonare la Sirena Partenope alla cerimonia di apertura della XXX Summer Universiade di Napoli nel 2019, e da diventare motivatrice di studenti e top manager. Il suo messaggio è un input per tanti, soprattutto per le donne, a prendere in mano la propria vita e darle una svolta. “Bisogna liberarsi dalle sovrastrutture per non rischiare di vivere una vita non nostra”.

LA SERATA

Una serata definita “emozionante e toccante” da chi ha avuto il piacere di parteciparvi. La partecipazione all’evento, infatti, è stata molto ristretta ed esclusivamente su invito, nel rispetto e nell’osservanza delle misure di contenimento Covid – 19 vigenti.

Hanno preso parte alla presentazione anche il Presidente di A.I.D.O. Avellino, Giovanni Spiniello e gran parte dei membri del Gruppo A.I.D.O. Nola – Cimitile. A fare da moderatrice è stata Francesca Grassi, che ha condotto la serata tra l’esibizione musicale del duo Rainone – Chiacchio, la lettura dei brani dell’attore Gennaro Caliendo e l’esibizione a sorpresa dei ballerini di tango Antonietta Esposito e Nunzio Capriglione. L’evento si è concluso con il firmacopie del libro, i cui proventi sono stati devoluti all’Associazione e una degustazione dei prodotti offerti dai padroni di casa Francesco Fusco e sua moglie Diana, che, oltre ad aver ospitato gratuitamente l’evento, hanno fatto assaggiare le proprie specialità agli ospiti intervenuti.

IL LEGAME CON L’A.I.D.O.

Mariafelicia Carraturo da tempo è vicina all’Associazione AIDO, di cui sostiene la causa. Ma cosa unisce la campionessa  e l’Associazione? Sicuramente il tema della rinascita personale, che a volte è una scelta, altre no.

A.I.D.O. è l’Associazione Italiana Donatori di Organi, Tessuti e Cellule, che da oltre 45 anni promuove la cultura e l’importanza della donazione in Italia e raccoglie dichiarazioni di volontà favorevoli alla donazione. L’associazione, fondata a Bergamo il 26 febbraio del 1973, opera sul territorio nazionale attraverso consigli regionali, sezioni provinciali e gruppi comunali. Attraverso essi diffonde il messaggio e il significato della donazione degli organi, che è “una nobile cultura, è una scelta di solidarietà ed un’espressione di altruismo”. Non c’è limite di età né per donare né per ricevere, questo è quanto dimostra la storia di Virginia Bartoli, donatrice di fegato all’età di 93 anni. Quello di Virginia è solo uno degli innumerevoli esempi di rinascita grazie al gesto di qualcuno che non può più vivere ma sceglie di farlo attraverso gli altri.

Diventare donatori è molto semplice. In questo periodo di emergenza Covid-19 AIDO continua l’attività di raccolta delle manifestazioni di volontà positive alla donazione di organi e tessuti adottando una modalità semplificata per l’iscrizione che consiste nello scaricare il modulo di adesione allegato al sito dell’Associazione ed anticiparlo via mail, unitamente ad una scansione del documento di identità, alla sede AIDO Provinciale di residenza o di domicilio.

Un’alternativa è quella di manifestare il proprio consenso all’atto del rinnovo del documento di Identità presso gli Ufficio Anagrafe dei Comuni che hanno attivato il progetto “Una scelta in Comune” oppure quella di rivolgersi a un volontario A.I.D.O e richiedere direttamente il modulo da sottoscrivere.

In occasione della serata di presentazione la campionessa ha suggellato il suo legame con l’Associazione sottoscrivendo la propria dichiarazione di volontà a diventare donatrice.

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*