Gennaro Tesone, PaP: “La cultura e l’arte per la rinascita della Campania”

campania

Mancano sette giorni al rinnovo del consiglio regionale della Campania e uno dei volti più apprezzati di questa difficile campagna elettorale è quello di Gennaro Tesone, candidato nella lista di Potere al Popolo.

Tesone, ricordiamo, nel 1988 ha fondato il gruppo Almamegretta ed è uno degli artisti del panorama partenopeo più apprezzato.

Abbiamo avuto modo di scambiare quattro chiacchiere con lui e queste sono state le sue parole:

Un amico di vecchia data…

Un amico di vecchia data mi ha proposto la candidatura da indipendente con Potere al Popolo. Mi sono preso un po’ di giorni per riflettere e poi ho deciso in senso affermativo, corroborato anche dall’incoraggiamento di amici e familiari. Va da sè che non avrei mai potuto accettare una proposta da altre formazioni politiche che hanno una visione completamente opposta alla mia. Io mi sono formato, ancora adolescente, nella temperie degli anni ‘70, quando la politica era intesa come strumento di trasformazione della realtà e non, come accade oggi, un’occasione per fare carriera e occupare poltrone a tempo indeterminato. Potere al Popolo, è un’organizzazione che si propone di cambiare la società, difendendo e allargando i diritti dei più deboli. Obiettivi che io condivido in pieno.


 

Cultura e arte

Non sono un tuttologo che ha la ricetta per risolvere i gravissimi problemi che attanagliano da sempre la nostra regione. Preferisco affrontare le problematiche che sono più vicine alla mia attività. Se teniamo veramente alla rinascita della Campania non possiamo trascurare la cultura e l’arte e tutte le attività connesse quali il cinema, il teatro, la musica, la danza, la fotografia e le arti visive. La nostra è una terra storicamente ricca di talenti e creatività, ma negli ultimi tempi assistiamo impotenti a una sorta di chiusura in sé stessa che la sta configurando come una grande e sovrappopolata provincia dormitorio che ha come unica risorsa il turismo di massa tra una pizza e un mandolino. L’amministrazione regionale ha il dovere di farsi carico di questi problemi. Deve sostenere e far sviluppare le arti con un piano di largo respiro che si ponga l’obiettivo di valorizzare e non mortificare le energie creative che caratterizzano la nostra terra. Non è utopia ma è più o meno quello che realizza, ad esempio, da vari anni la Regione Puglia, con un programma di sviluppo delle attività musicali che si chiama Puglia Sounds. Perché una cosa del genere non si può fare in Campania?

 

Giudizio negativo sull’amministrazione De Luca

È stata un’amministrazione caratterizzata da un protagonismo col fiato corto arruffone e cabarettistico, slegato da ogni tipo di idee progettuali, con ingredienti massicci di paternalismo autoritario. I problemi maggiori sono rimasti tutti lì. Dal degrado ambientale alle ecoballe (che sono rimaste parcheggiate nel giuglianese durante tutta la legislatura regionale). Il territorio deturpato che occorreva mettere in sicurezza è rimasto tale e quale. Dal lavoro nero, che è la spina dorsale dell’economia campana, alla disoccupazione giovanile e non che ha comportato un’emigrazione (soprattutto intellettuale) e che sta impoverendo ineluttabilmente la nostra terra. Infine la sanità, ossia il fiore all’occhiello di questa giunta. Aldilà delle apparenze, dovute a una serie di contingenze fortuite e fortunate, anche la gestione della crisi da Covid-19 è stata quantomeno discutibile, con la costruzione di ospedali da campo mentre c’erano (e ci sono ancora) interi piani completamente vuoti, vedi Ospedale del Mare. Una struttura monstre completamente decentrata, a fronte di 3 ospedali di Napoli chiusi in passato da questa amministrazione. Qui ci sono state persone come Alberto Falco, musicista napoletano, che è stato lasciato morire di cancro e di Covid-19, dopo aver atteso 50 giorni per una biopsia. Un caso, e non certo l’unico, tutto da chiarire.

 

Nuove idee musicali

In un periodo in cui è praticamente impossibile per una band come gli Almamegretta fare dei concerti a causa dell’epidemia, per forza di cose mi dedico molto di più allo sviluppo di nuove idee musicali e allo studio del mio strumento (la batteria). Ma per avere idee è fondamentale coltivarle e questo può avvenire in svariati modi: ascoltando la musica, guardando i film e le serie tv, leggendo i libri, osservando con attenzione la realtà che ci circonda. Alla luce di ciò non c’è scissione tra le mie idee e il mio essere artista, anche se io preferisco definirmi un artigiano della musica piuttosto che un’artista. Quando faccio musica sono abituato a mescolare diversi elementi di origine diversa. Allo stesso modo sono convinto che una cultura per essere vitale e stimolante debba essere sempre un incontro tra passato, presente e futuro e provenire da mondi apparentemente lontani. Un mondo vivo e pulsante è un mondo meticcio. Questa per me è una visione politica.

 

Potere al Popolo, partito giovane e di giovani

Questa caratteristica è sicuramente un grande pregio perché è fondamentale che i giovani riprendano di nuovo in mano il proprio futuro, dopo un periodo interminabile di allontanamento dall’impegno politico. Conseguenza quest’ultima di una gestione della cosa pubblica intrisa di interessi privati e poco propensa al rinnovamento. Ancora oggi vediamo scendere in campo, ad esempio, in appoggio a De Luca, vecchie cariatidi del passato che non è mai passato come Cirino Pomicino, Mastella, De Mita. Personaggi che stanno dando vita ad un blocco di potere che non si era mai visto e che intende garantire la conservazione a tutti i costi. Proprio per questo diventa vitale per la nostra terra che i giovani sappiano rendersi protagonisti di una battaglia per contrastare questo oscurantismo passatista.

 

Pd e M5S finti nemici

Penso che sia una cosa vera, anche perché i progetti dei 5 stelle per queste regionali erano di tutt’altro tenore. Prima dell’emergenza sanitaria, si puntava a un accordo con il PD napoletano (ormai storicamente agonizzante e privo di uno straccio di idee) per partorire una candidatura “forte” come quella dell’attuale ministro dell’ambiente Sergio Costa. Progetto guardato con simpatia pure dal Sindaco De Magistris, anche perché conseguentemente prevedeva l’esclusione di De Luca. Poi c’è stato il cabaret della gestione della crisi dovuta al Covid-19 e De Luca è assorto a eroe nazionale e tutto il progetto di cui sopra è andato a gambe all’aria, con il PD che non poteva rinunciare al serbatoio di voti di De Luca. Quindi i 5 stelle hanno dovuto ripiegare su una candidatura debole come quella della Ciarambino, che niente ha fatto come opposizione durante la gestione uscente e niente farà in quella entrante. Lo sguardo è già rivolto alle prossime elezioni comunali di Napoli, dove si applicherà l’accordo suggellato dalla pantomima Rousseau tra 5 stelle e PD.

 

Legame profondo con Napoli e la Campania

Ho un legame molto profondo che si riverbera anche e soprattutto nella musica che faccio con gli Alma, che parte da Napoli e fa il giro del mondo. Perché Napoli nella sua immutabilità ingloba anche continui rimandi alle culture che la hanno attraversata e continuano a percorrerla. E questa è una caratteristica peculiare che le dà un’impronta sospesa tra passato e futuro. È una città che può essere accogliente e amorevole ma nello stesso tempo difficile e violenta. Sarà forse per questo che i napoletani (me compreso) nutrono nei suoi confronti sentimenti contrastanti di amore/odio.

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*