De Luca, PaP: “Camorra, un male da estirpare”

de luca

La lista dei candidati di Potere al Popolo per il rinnovo del consiglio regionale della Campania si caratterizza dalla presenza di tanti giovani.

Un partito giovane ed al tempo stesso fatto di giovani; tra questi c’è Christian De Luca che abbiamo avuto modo di intervistare durante uno dei suoi incontri con i cittadini della sua Volla, in provincia di Napoli.

 

Un posto dove nessuno ti regala niente

 


Sono Christian De Luca, ho 25 anni e sono un docente di Storia e Filosofia. Da sempre vivo a Volla, un comune della provincia di Napoli. Uno di quei posti dove nessuno ti regala niente. Una periferia dormitorio dove gli spazi per discutere, per organizzarsi, per pensare sono sempre più rari e inadeguati. Sin dai tempi del liceo cerco di dare una mano a chi è più fragile, ai giovani delle periferie che hanno poche opportunità per esprimersi e prendere in mano il loro destino. Lo faccio, ad esempio, con il costruire librerie sociali, nell’organizzare dei cineforum e dei laboratori, nell’attivare degli sportelli di consulenza legale e di supporto psicologico, con il distribuire vestiti e pacchi alimentari, nel creare spazi di partecipazione, con la riqualificazione di aree abbandonate, con la proposta di progetti e interventi per rivitalizzare i servizi essenziali destinati alla cittadinanza.

 

Unico movimento capace di dare un futuro alla Campania

 

Mi candido con Potere al Popolo perché credo sia l’unico movimento politico capace di dare un futuro diverso alla Campania. Un movimento che è riuscito ad intercettare le forze più sane della nostra regione e, soprattutto, ha costruito la sua credibilità attraverso il lavoro quotidiano di migliaia di attivisti sui temi del lavoro, della sanità, della tutela ambientale, dei trasporti pubblici. In particolare nel nostro movimento c’è una partecipazione giovanile notevole. Ci candidiamo anche per questo, perché siamo la regione più giovane di Italia ma in termini di rappresentanza, di disoccupazione e di politiche giovanili siamo fanalino di coda. La classe dirigente e i blocchi di potere che continuano a candidarsi non sanno cosa sono la precarietà, il lavoro nero, i treni che non partono, l’emigrazione: come possono risolvere i nostri problemi se non li vivono sulla loro pelle? Potere al Popolo crea entusiasmo, attiva persone, coinvolge sempre nuovi attivisti perché usa un linguaggio nuovo e determinato, perché mette i fatti davanti alle chiacchiere. Perché ognuno di noi sa che le cose o le cambiamo insieme oppure è inutile anche solo provarci.

 

 

Camorra e criminalità, mali da estirpare

 

Nessuno parla di camorra mentre di criminalità si parla e si riparla soltanto in termini repressivi. Noi vogliamo andare alla radice dei problemi per costruire una alternativa e dare sicurezza sociale ed economica alle fasce più in difficoltà della nostra regione. La scorsa settimana siamo stati ad Afragola, nel bene confiscato alla camorra più grande dell’area metropolitana di Napoli, un luogo che deve essere valorizzato e finanziato nel migliore dei modi sia perché è un bene strappato ai clan camorristici sia perché rappresenta una grande risorsa per garantire occupazione stabile e sostenibile, per rivitalizzare le periferie attraverso la cultura, l’arte, la solidarietà e l’agricoltura a km 0.

 

Delusione M5S

 

Il Movimento 5 Stelle ha deluso tutti. Coloro che continuano ad aggrapparsi o fanno i tifosi o sono troppo dentro al sistema per ripudiarlo oppure continuano ad illudersi… Potere al Popolo deve entrare in Consiglio Regionale perché è l’unica opposizione possibile dopo le alleanze al governo e sui territori tra PD e il Movimento Cinque Stelle. Tra l’altro la Ciarambino, che si ripropone per la seconda volta consecutiva, invita gli elettori del PD a votare lei attraverso il meccanismo del voto disgiunto. Un appello, durante le tribune elettorali al Tgr, che è un atto egoistico e irrispettoso nei confronti del progetto politico in sé e di tutti gli altri candidati della lista. Ma il tema più importante è: come potrà la Ciarambino fare una opposizione serrata se il suo movimento si sta facendo, letteralmente, assorbire dal PD? Come potranno dire la verità se con l’altra mano stringono accordi con il partito dell’establishment, il partito delle grandi opere, del disprezzo verso chi sta in difficoltà e non riesce ad arrivare a fine mese?

 

Sanità, ambiente e lavoro

 

Potere al Popolo ha le idee chiare su sanità, ambiente e lavoro. E’ composto da uomini e donne che si candidano dopo un lungo percorso di impegno, con storie di gioia e di sofferenza, di amore e di resistenza e, soprattutto, con tante competenze acquisite sul campo. Per noi, non basta essere onesti ma bisogna avere anche una visione del mondo, perchè la politica è uno strumento per trasformare le condizioni di vita delle persone, non un canale per assicurarsi soldi e prestigio personale.

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*