Granato, PaP: “Nessuno deve sputare sulla nostra memoria”

granato

Appena si entra nelle mura di Napoli, da Porta San Gennaro, si va incontro a questa vecchia lapide. I caratteri impressi sono sbiaditi, ma la memoria, per chi la coltiva, rimane forte. Perché ricorda alcuni dei figli e delle figlie della nostra Napoli morti negli anni tremendi della seconda guerra mondiale.
Il primo nome in alto a sinistra è Ferdinando Avino. Zio Ferdinando era il fratello di mio nonno. Che ci fa lì Il suo nome? Se l’è meritato per essersi affacciato semplicemente al balcone della sua casa; un vigliacco, un fascista, gli sparò in fronte.

Dettagli cruenti

Ricordo mio nonno raccontare i dettagli cruenti della scena, soprattutto quel proiettile che gli trapassava la testa… Così morì Ferdinando, per mano di un codardo.
Oggi, nella nostra Napoli, dei manifesti annunciano l’arrivo di un odiatore del Sud, che vorrebbe tenere un incontro a Piazza della Posta. Questo nome non esiste, quella Piazza da tempo è intitolata a Giacomo Matteotti. Veniva chiamata “della Posta” decenni fa, quando Zio Ferdinando fu ucciso da un proiettile sparato da un vigliacco.
Oggi c’è chi viene per sputare sulla nostra memoria, quella delle nostre lapidi e delle nostre famiglie. Ma il nostro popolo è troppo degno per lasciarsi infettare dalla propaganda odiosa di vigliacchi che hanno per patria solo il denaro e i like sui social…


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*