Danilo Toninelli a Capua per la questione Ponte Nuovo

toninelli

Ieri a Capua per la “Questione Ponte Nuovo” ha fatto visita l’ex Ministro alle Infrastrutture e ai Trasporti, Danilo Toninelli.
Ebbene sì, è venuto proprio il Ministro che, attraverso il “Decreto Genova”, ha permesso di restituire ad una città, un ponte dopo nemmeno due anni.
Con lui anche i portavoce Agostino Santillo (al Senato), Giuseppe Buompane (alla Camera) e Vincenzo Viglione (alla Regione).
La chiusura del Ponte Nuovo, a causa dell’allarmante stato di degrado riscontrato dai tecnici, sta provocando una preoccupante paralisi per la Città di Capua, non più tollerabile!
Come Gruppo Consiliare M5S Comunale, quindi, non potevamo non sottolineare che la chiusura, ormai da ben due anni, di un’arteria importante che attraversa l’Appia sta comportando ovvie ripercussioni economiche alla città.

Mala gestio

Nel suo intervento il Senatore Santillo ha ribadito come tutta Terra di Lavoro passi per il nostro ponte ma la “mala gestio”, sia comunale che regionale, non ha consentito in due anni a tutt’oggi né il dissequestro né i lavori di manutenzione per la messa in sicurezza.
Significativo è stato l’intervento del Candidato Consigliere Regionale uscente, Vincenzo Viglione, su un aspetto che, forse, non tutti sono a conoscenza. La Regione Campania non ha stanziato fondi ma ha solo incaricato gli uffici per risolvere i problemi legati alla sicurezza della struttura.
Noi Consiglieri Comunali del M5S non dimentichiamo il percorso iniziato e con l’invito al nostro ex ministro abbiamo voluto dare seguito ad un impegno preso in precedenza al fine di porre attenzione in Parlamento. Infatti, il Senatore Toninelli, ascoltate tutte le motivazioni, ha chiarito la via da intraprendere. “Io penso, ascoltando le parole dei portavoce comunali regionali e nazionali di questo territorio del M5S, che siamo di fronte al classico ma drammatico paradosso italiano…I soldi ci sono: lo Stato ha creato dei fondi per aiutare la Campania sulle infrastrutture locali…Il progetto rappresentava la chiave di quel fondo che esisteva a cui accedere per fare i lavori. Questo non è stato fatto. Perché vi dico questo? Perché si va a votare e si possono scegliere le persone a cui affidare i nostri soldi…Io penso che il voto del 20 e 21 settembre sia fondamentale…Se ci sono le mani libere e se c’è la volontà politica di fare le cose senza dover avvantaggiare qualcuno in particolare, i cantieri partono e le infrastrutture vengono tenute in sicurezza”.


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*