Elezioni Regionali: Sara Tesoriero di Potere al Popolo si racconta

tesoriero

La campagna elettorale per il rinnovo del Consiglio Regionale della Campania è entrata nel vivo ed i candidati cercano di convincere gli elettori a fidarsi di loro e sceglierli.
Tra queste c’è Sara Tesoriero, giovane esponente di Potere al Popolo che da Ercolano ha lanciato la sfida insieme a Giuliano Granato, candidato alla presidenza di PaP.
Abbiamo avuto modo di intervistare la giovane attivista durante una manifestazione per la tutela degli Scavi di Ercolano e l’indotto lavorativo che vi gira intorno

La politica è sempre stata parte integrante della mia vita

“Casa mia è ricca di stampe che ritraggono Che Guevara e sin da piccola ho respirato l’aria della politica, in particolare di quella comunista. I miei genitori mi portavano alle feste e alle iniziative della vecchia Rifondazione Comunista ed era bello; i vecchi compagni mi volevano bene ed era come se avessi tante zie e zii acquisti.
Sono, così, cresciuta con gli ideali di sinistra. Sono stata educata ad essere curiosa della realtà che mi circonda ed a reagire alle ingiustizie. Non sono mai stata però veicolata a seguire le orme dei miei genitori: non era loro intenzione farmi entrare in politica ma volevano solo che crescessi con degli ideali umani”.

L’esperienza del sindacato studentesco

“Verso i 15 anni ho iniziato a frequentare l’Uds, un sindacato studentesco, perché il funzionamento scolastico mi andava troppo stretto. Ma non mi bastava perchè sentivo che mi mancava ancora qualcosa. Non riuscivo a desiderare di voler cambiare una cosa soltanto: non era solo l’ambiente scolastico a starmi stretto ma tutto ciò che mi circondava.
Fu così che ho scoperto Potere al Popolo. Seguivo i loro aggiornamenti sulla loro pagina nazionale di Instagram e notavo che molti ragazzi si preoccupavano di una molteplicità di aspetti quali l’ambiente, la scuola, la sanità, il razzismo, l’omofobia e lo sfruttamento sul lavoro. Soprattutto vedevo che erano persone che agivano e che facevano sentire la loro voce nonostante fossero nati da poco.
Allora decisi di prendere contatti con i miei attuali compagni ad Ercolano e così è nato un bel gruppo”.

Politica come strumento

“Per me la politica è senza dubbio uno degli strumenti più potenti che abbiamo perchè è in grado di salvare o distruggere un paese. Per questo motivo credo che, se si vuol far politica, si dovrebbe essere innanzitutto persone che hanno a cuore gli interessi reali della popolazione e non avere come primo obiettivo l’arricchimento a discapito del prossimo.
La politica non è tutta nera come vogliono cercare di mostrarcela.
Una compagna scrisse un post su Facebook qualche giorno fa a proposito di questo <Far credere che la politica sia tutta marcia, è la più grande vittoria dei politici corrotti>.
Ecco perché per me la politica, quella vera, significa soprattutto altruismo.
Forse è per questo che ne sono tanto appassionata; mi piace l’idea che attraverso un mezzo tanto forte io possa migliorare la vita di milioni di persone”.


Potere al Popolo per me significa tante cose

“E’ un po’ una seconda famiglia e mai avrei pensato di trovare molte persone, per le quali sono un’estranea, pronte a tendermi una mano e ad aiutarmi.
Significa cambiamento: anche se siamo un partito che non ha una fascia di età specifica, ardiamo tutti dello stesso fuoco, vogliosi di lottare per cambiare le cose.
Siamo testardi, molto testardi. Siamo una forza della natura: qualsiasi cosa succeda, siamo pronti a correre all’ex Opg a Materdei da tutte le parti della Campania per programmare nuove iniziative da portare avanti; noi non ci arrendiamo.
In qualsiasi modo andranno queste elezioni, dic erto c’è che noi saremo sempre pronti a lottare”.

Scelta del gruppo

“La mia candidatura, in realtà, è nata dai compagni di Ercolano.
All’inizio ero esitante sull’accettare, data la mia età (18 anni). Alla fine ho accettato l’invito.
Mi ha spinto a fare questo passo da gigante la stanchezza. Sono stanca di vedere la mia terra devastata da governatori incompetenti, che cercano di salvarsi in extremis con la pandemia.
Voglio ridare a questa regione lo splendore che merita insieme a tutti gli altri candidati di Potere al Popolo.
Ma soprattutto, voglio lasciare qualcosa alle persone. Qualora non dovessi essere eletta, voglio avere almeno la consapevolezza di aver smosso le coscienze dei campani. Voglio mostrargli che un futuro migliore esiste, che i giovani, un giorno, potranno restare nel proprio paese a lavorare e che saranno ricompensati del loro lavoro.
Voglio mostrargli che non siamo arretrati come ci giudicano altrove… Voglio mostrare alle persone che LA CAMPANIA È IL FUTURO”.

Arte e spettacolo

“La mia campagna elettorale porta avanti un progetto a favore dei lavoratori dell’arte e dello spettacolo.
A malincuore devo riconoscere che questa categoria di lavoratori è stata ignorata molto spesso e, per tale motivo, dilaga il lavoro nero.
Voglio liberare il patrimonio artistico campano dalle mani delle aziende private perché l’arte è di tutti e non dovrebbe essere un lusso riservato solo a pochi. L’arte, poi, potrebbe essere una delle grandi risorse campane sulle quali puntare per il rilancio. Se si pensa, ad esempio, alle vicende lavorative all’interno degli scavi di Ercolano e di Pompei, con la privatizzazione dilagante i lavoratori sono costretti ad un full time con stipendio dimezzato, mentre le aziende si arricchiscono alle loro spalle.
Agli artisti vengono, purtroppo, riconosciute solo una parte delle giornate di contributi, le quali non permettono nemmeno di ricevere pensioni in futuro. Tra l’altro, tutto il lavoro che c’è dietro ad uno spettacolo non viene riconosciuto come lavoro, nonostante comportasse tantissime ore incessanti di preparazioni; anche questo contribuisce alla diffusione del lavoro nero artistico. A tal proposito, vorrei che tutte quelle ore di allenamenti venissero riconosciute come ore lavorative e, di conseguenza, venissero pagate. In tal modo, un artista non dovrà più vivere di contributi, i quali molto spesso non sono neanche riconosciuti”.

Gli altri candidati

“Partiamo da De Luca. Penso che ormai la sua carriera sia finita. Lo vedo come il giullare di corte, con quelle sue battute di pessimo gusto ripetute fino alla nausea. Ha fatto troppi danni a questa terra e penso che un altro suo mandato a capo della Regione farà affondare definitivamente la Campania. Sui candidati di centro-destra e del M5S penso semplicemente che i loro partiti hanno perso di credibilità. Il M5S ormai è noto per saltare da un’alleanza all’altra in base alla convenienza. Insieme al centro-destra sono forti con la retorica ma non con i fatti. Per quanto riguarda “Terra”, non la trovo male come lista, penso soltanto si focalizzino troppo su una sola tematica. L’ambiente è sicuramente uno dei punti più importanti al giorno d’oggi, ma penso che bisogna includere anche altri argomenti. Questo perchè il degrado ambientale deriva non solo dall’incuria delle persone ma anche da altri fattori quali criminalità organizzata, privatizzazione dei servizi; fattori che vanno combattuti”.

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*